skip to Main Content

Siria, Isis alza il tiro contro il SAA a Deir Ezzor con le imboscate

Siria, Isis Alza Il Tiro Contro Il SAA A Deir Ezzor Con Le Imboscate

Isis alza il tiro contro il SAA a Deir Ezzor: dagli attacchi IED si passa alle imboscate ai soldati nel deserto di Badia al-Sham tra Abu Kamal e Mayadeen

Isis alza il tiro contro l’esercito siriano (SAA) a Deir Ezzor, passando da una guerriglia a “distanza” a imboscate contro i soldati. Nelle scorse ore gruppi di miliziani IS hanno effettuato attacchi a sorpresa contro colonne di mezzi alleati del SAA o unità militari, che si erano addentrate nel deserto di Badia al-Sham. L’obiettivo era bonificare l’area dalle cellule dei jihadisti. Nell’ultimo periodo, invece, i terroristi preferivano colpire il nemico con IED attivati automaticamente o grazie a “trigger men” tra Abu Kamal e Mayadeen. Non ci sono ancora conferme ufficiali, ma sembra che i fondamentalisti abbiano adottato nel quadrante una nuova strategia. Questa è caratterizzata da una postura offensiva piuttosto che difensiva.

Damasco, temendo che IS abbia lanciato una nuova offensiva come The Saga of Exhaustion 2, chiede aiuto alla Russia e rafforza la sicurezza a ovest dell’Eufrate

Damasco è preoccupata di questa evoluzione di Isis, non solo a Deir Ezzor ma anche nelle province siriane vicine, e ha chiesto aiuto alla Russia. Non a caso, caccia della Federazione hanno bombardato postazioni IS a sud di Raqqa e nel deserto di Badia al-Sham. Gli strike sono stati la risposta ad attacchi dei jihadisti contro caserme del SAA a Zamla, Mansoura e Rusafa. Parallelamente, il governo ha inviato altri rinforzi nell’Est del paese e sta incrementando la sicurezza presso le basi a ovest dell’Eufrate. Questi elementi suggeriscono, infatti, che i miliziani possano aver dato il via a una nuova offensiva contro i soldati del regime. Forse in prosecuzione dell’operazione “The Saga of Exhaustion 2”, che puntava a “punire” le truppe di Damasco a Deir Ezzor.

Back To Top