skip to Main Content

Siria, Isis a Deir Ezzor si vendica delle SDF colpendo i civili

Siria, Isis A Deir Ezzor Si Vendica Delle SDF Colpendo I Civili

Attentato Isis a Qamishlo. Lo Stato Islamico cerca vendetta per i colpi subiti dalle SDF, attaccando i civili

Isis cerca di vendicarsi dai colpi subiti dalle SDF, con attacchi a bersagli civili a Deir Ezzor. Nelle scorse ore c’è stato un attentato a Qamishlo, attribuito allo Stato Islamico. Un’auto-bomba è esplosa presso la rotatoria Sony, causando diverse vittime. Episodi simili si sono verificati in altre aree della provincia siriana nei giorni scorsi. Si tratta con ogni probabilità della risposta dei miliziani alle ultime operazioni di Jazeera Storm per scovare e neutralizzare le cellule Daesh nel quadrante. L’ultima è avvenuta a Raqqa e ha portato all’arresto di sette jihadisti, nonché al sequestro di ingenti materiali ed equipaggiamenti. Inoltre, le forze arabo-turche hanno aumentato la vigilanza soprattutto sulla Shaddadi Road, che costeggia l’Eufrate, per intercettare i gruppi di fondamentalisti che si infiltrano nell’area passando dal fiume. Ciò ha obbligato IS a cercare nuove rotte, in quanto tutte quelle utilizzate finora sono state chiuse.

Daesh, grazie alla maggiore vigilanza di Jazeera Storm lungo l’Eufrate, cerca nuove rotte per infiltrarsi a Est. L’ultima passa a nord di Deir Ezzor dove la vigilanza del SAA è ancora più lenta che nel resto della provincia

Isis, infatti, per trovare nuovi punti di accesso verso l’Eufrate a Deir Ezzor si sta spostando. Finora la principale area di infiltrazione dello Stato Islamico era davanti a Busayrah, anche grazie all’intersezione con un fiume minore che permette di spostarsi abbastanza agilmente in direzione nord est. Le ultime operazioni delle SDF, però, l’hanno preclusa obbligando i jihadisti a risalire sopra Deir Ezzor. Lo conferma l’attacco Daesh al villaggio di Muhaimida, un’area finora considerata relativamente tranquilla, da cui è possibile puntare ad Hasakah oppure virare verso Raqqa. L’esercito siriano (SAA) che dovrebbe vigilare a ovest del fiume, peraltro, ha scarsa capacità di controllo del territorio. Soprattutto nel quadrante settentrionale della sua aerea di operazioni nella provincia. Di conseguenza, per IS è il punto migliore su cui insistere anche attaccando i soldati del SAA nel caso alcune loro postazioni ostacolino i movimenti, come accaduto recentemente.

Back To Top