skip to Main Content

Siria-Iraq, in corso operazione SDF-ISF contro i facilitatori Isis al confine

Siria-Iraq, In Corso Operazione SDF-ISF Contro I Facilitatori Isis Al Confine

Operazione SDF e ISF in Siria e Iraq per distruggere il network logistico Isis, che alimenta il flusso dei jihadisti tra i due paesi

Le SDF e le ISF hanno lanciato un’operazione congiunta in Siria e Iraq per smantellare le cellule Isis che si spostano tra i due paesi. Le forze curde hanno stretto il cerchio su un gruppo di jihadisti dello Stato Islamico ad Abu Kamal, mentre l’Ottava divisione Intelligence dell’esercito di Baghdad ha arrestato 14 miliziani a Qaim. Questi fornivano informazioni e supporto logistico ai terroristi Daesh nel deserto. Soprattutto a quelli appena arrivati dalla nazione vicina. L’obiettivo è distruggere il network di facilitatori IS che operano per trasferire i fondamentalisti in fuga e collocarli in zone sicure. Alcuni di questi poi servono per effettuare attacchi a livello locale. Altri, invece, vengono inviati in altri luoghi per rafforzare le cellule già presenti nei due stati.

L’offensiva di Ankara in Siria ha permesso a oltre un migliaio di miliziani dello Stato Islamico di evadere dalle carceri delle SDF.  I fuggitivi Daesh puntano o alla Turchia o all’Iraq

Colpire il network logistico tra Iraq e Siria è fondamentale per ridurre la capacità operativa di Isis. Soprattutto dopo che la recente offensiva delle TAF nel secondo paese ha permesso a oltre un migliaio di jihadisti di fuggire dalle carceri delle SDF. Alcuni di questi, si sono diretti in Turchia. Lo confermano i recenti arresti di membri dello Stato Islamico da parte delle forze di sicurezza di Ankara. L’ultimo è avvenuto solo poche ore fa e ha visto sette donne appartenenti a Daesh consegnarsi al valico di frontiera di Cilvegozu, dopo essere fuggite dal campo di Al-Hol ad Hasaka. Altri, invece, puntano a sud per cercare di arrivare a Qaim. Qui, come dimostra l’operazione forze curde-ISF, c’è una fitta rete logistica che li aiuta a nascondersi e poi a spostarsi in sicurezza in Iraq. 

Back To Top