skip to Main Content

Siria, l’Iran continua a puntare sui bambini per estendere l’influenza a Deir Ezzor

L’Iran continua a puntare sui bambini per estendere l’influenza a Deir Ezzor. Dopo i corsi di Farsi con maxi-premio per l’esame arrivano anche i viaggi-studio presso i santuari sciiti

Ulteriore passo dell’Iran per estendere la sua influenza nell’Est della Siria, puntando sui giovani. Il Centro culturale della Repubblica islamica a Mayadeen ha organizzato un viaggio per dieci bambini presso il santuario di Ain Ali. Obiettivo: sensibilizzarli sul suo significato per la comunità sciita e sul vantaggio di ricevere la benedizione dell’acqua della sorgente che si trova all’interno. Peraltro, durante il viaggio sono state distribuite caramelle ai piccoli partecipanti. Il tour è solo l’ultimo capitolo di una lunga serie, che vede gli emissari di Teheran impegnati per diffondere l’ideologia sciita nel paese mediorientale. I bambini, peraltro, sono stati scelti come target primario. Non a caso i “centri culturali” a Deir Ezzor hanno lanciato corsi di farsi per i piccoli tramite l’iniziativa Bara’em al-Atfal. Per invogliare le iscrizioni, è stato offerto un premio ricco: un milione di sterline siriane (circa 800 dollari) a ogni alunno che supererà l’esame con voto eccellente.

Back To Top