skip to Main Content

Siria, il SAA punta a togliere a Isis il controllo della strada Deir Ezzor-Homs

A Badia continua la guerra tra l’esercito siriano (SAA) e Isis. I soldati puntano a togliere ai jihadisti il controllo dell’autostrada Deir Ezzor-Homs

Continua la guerra tra l’esercito siriano (SAA) e Isis nel deserto di Badia tra Deir Ezzor, Raqqa, Hama e Homs. I jihadisti hanno effettuato attacchi a sorpresa su check point nelle tre aree. Inoltre, hanno disseminato di mine le strade obbligate per colpire i mezzi nemici che li inseguivano o che si avvicinavano troppo ai miliziani. Il SAA, invece, ha lanciato una nuova operazione anti-IS sull’autostrada tra Deir Ezzor e Homs (da ovest della provincia ad al-Suknah), a cui partecipa la componente aerea russa. Obiettivo: fermare l’ondata di imboscate ai convogli militari che si dirigono a Est, che hanno già causato decine di morti e feriti tra i soldati. Damasco, infatti, ha bisogno di riprendere il pieno controllo della strada per poter spostare in sicurezza uomini e assetti da impiegare nella campagna contro i terroristi nel quadrante.

IS, intanto, cerca di reperire fondi taglieggiando i pastori con la scusa della zakat

Isis, intanto, sta rafforzando le sue difese tra Deir Ezzor e Homs e cerca di fare cassa per finanziarsi. Diversi pastori ad al-Suknah hanno infatti denunciato di essere stati taglieggiati da jihadisti IS. Secondo fonti locali, sono già decine le persone che hanno subito l’estorsione, per un controvalore complessivo di oltre mille euro. Il sistema è sempre lo stesso: un gruppo di miliziani, travestiti da soldati del SAA, si reca presso le tende dei pastori e li obbliga a versare la zakat. I fondi, però, invece di essere consegnati agli imam affinché li destinino a chi ha più bisogno, rimangono nelle casse dei jihadisti. In alcuni casi è stato anche sequestrato bestiame come “pagamento alternativo”. Ciò significa che i miliziani sono a corto di risorse e che l’offensiva dell’esercito siriano sta rendendo difficile reperirle tramite i canali tradizionali.

Back To Top