skip to Main Content

Siria, i raid della Turchia complicano la situazione ad Ain Issa

Siria, I Raid Della Turchia Complicano La Situazione Ad Ain Issa

La situazione ad Ain Issa si sta deteriorando velocemente a causa dei raid turchi sulla M4. Si teme che Ankara lanci un’operazione come Peace Spring per cacciare i curdi dall’area

La situazione si complica nell’area di Ain Issa, a seguito dei continui raid aerei turchi sulla M4. L’ultimo è avvenuto solo poche ore fa e ha visto le TAF prendere di mira diversi obiettivi a Huriye, Silip e Khirbet Baqar. Secondo fonti d’intelligence, c’è un timore diffuso che Ankara stia preparando un’operazione sul vasta scala nel Kurdistan siriano, simile a Peace Spring a Idlib. Non è un caso che negli ultimi tempi c’è stato un aumento quasi esponenziale di attacchi nella regione. A seguito di ciò, Damasco è stata obbligata ha inviare nel quadrante un grosso contingente di rinforzi dell’esercito (SAA), a cui presto se ne potrebbero aggiungere altri. Le SDF sono in stato di massima allerta, pronte a muovere su tre assi (Deir Ezzor, Raqqa e Hasaka) per difendere il territorio, congelando nuovamente la campagna contro Isis.

La regione siriana è una bomba a orologeria. Le SDF si preparano a difendere il territorio e a congelare la guerra a Isis. Damasco si schiera con loro

La situazione ad Ain Issa e in tutta l’area è molto tesa, si rischia una rapida escalation dagli esiti difficilmente controllabili. La Turchia è decisa a cacciare i curdi da una fetta di territorio per aumentare la buffer zone al confine con la Siria. Damasco, a differenza del passato, non ha intenzione di cedere, soprattutto oggi che c’è un riavvicinamento con la minoranza, e si è schierata subito con le SDF offrendo sostegno. Queste ultime si stanno preparando al peggio, accelerando i programmi di addestramento e i reclutamenti dei combattenti. In mezzo c’è Inherent Resolve, preoccupata di un nuovo stop ala lotta contro Daesh. Soprattutto in un momento delicato come questo, in cui arrivano risultati sulla strategia per neutralizzare la leadership del gruppo e fermare la sua capacità operativa.

Back To Top