skip to Main Content

Siria, HTS cerca di riprendere il controllo della situazione a Idlib

HTS cerca di riprendere il controllo della situazione a Idlib. Nuova campagna di arresti di membri di Huras al-Din dopo l’escalation di attacchi alla Turchia e gli scontri tra milizie rivali

Hayat Tahrir al-Sham (HTS) cerca di riprendere il controllo della situazione a Idlib, dopo l’escalation di attacchi alle truppe turche e di scontri tra le milizie locali. HTS ha lanciato una nuova campagna di arresti di figure importanti di Huras al-Din. L’ultimo è un consigliere per la Sharia, catturato mentre usciva da una moschea a Jisr al-Shughour. I qaedisti ritengono che il gruppo rivale abbia un ruolo nel tracollo della situazione nella provincia siriana re in particolare nella crescente ostilità della popolazione. Nella stessa città, infatti, solo poche ore prima un jihadista turco era stato ucciso da ignoti appena dopo aver lasciato un’altra moschea. Inoltre, un veicolo delle TAF era stato attaccato da un commando misterioso mentre transitava lungo la M4 nel medesimo quadrante. Infine, ci sono stati ulteriori scontri tra la Divisione Al-Hamza e Al-Jabha Al-Shamiyyah a ovest di Aleppo.

Il gruppo qaedista teme che Huras al-Din voglia minare la sua immagine, alimentando la sfiducia della Turchia e della popolazione, per rialzare la testa

HTS teme che Huras al-Din stia cercando di rialzare la testa a Idlib e che per farlo abbia una strategia precisa: minare la leadership del gruppo nemico nella provincia siriana sia a livello locale sia con Ankara. Da una parte, infatti, starebbe alimentando la sfiducia della popolazione e della Turchia con attacchi alle TAF e facendo circolare informazioni false. Dall’altra, c’è stato un boom di omicidi mirati di jihadisti rivali. Ciò, se sul versante operativo non ha un gran peso non trattandosi di figure di rilievo, da quello dell’immagine è un colpo duro. Di fatto sta cominciando a diffondersi il pensiero comune che Hayat Tahrir al-Sham non sia più in grado di gestire Idlib, garantendo anche la sicurezza dei partner stranieri.

Back To Top