skip to Main Content

Siria, Hezbollah apre una nuova fabbrica di droga a Deir Ezzor

Hezbollah apre una nuova fabbrica di droga a Deir Ezzor. I miliziani pro-Iran, dopo che la Giordania ha aumentato i controlli, guardano a nuovi mercati già “pronti” e meno rischiosi come l’Iraq

Hezbollah apre una nuova fabbrica di droga a Deir Ezzor con la scusa di operazioni di sicurezza. I miliziani filo-Iran nei giorni scorsi hanno requisito tre case nel quartiere di Harabash, appartenenti a sfollati. Gli edifici sono stati trasformati in un centro di comando e in un laboratorio per produrre stupefacenti di vario tipo. L’obiettivo è estendere il traffico di droga (soprattutto Captagon e Prebagalin) aprendo nuove rotte. Attualmente quelle principali partono dalla Siria (Suweida) e passano dalla Giordania per raggiungere la Penisola Araba. Nell’ultimo anno, Amman ha incrementato i controlli, sequestrando numerosi carichi e arrestando i facilitatori. Ciò ha costretto il gruppo ad affinare le tecniche per il contrabbando, affidandosi a nuovi sistemi come i droni. I costi, però, sono aumentati. Di conseguenza, appare più convenienti puntare su nuovi mercati meno rischiosi e già “pronti” come l’Iraq. Da qui, l’esigenza di creare fabbriche più vicine possibili ai confini.

Back To Top