skip to Main Content

Siria, è in pieno svolgimento la maxi offensiva SDF contro Isis a Susah

Siria, è In Pieno Svolgimento La Maxi Offensiva SDF Contro Isis A Susah

E’ in pieno svolgimento l’offensiva delle SDF contro l’ultima roccaforte Isis a Deir Ezzor: Susah. Jazeera Storm avanza, obbligando i jihadisti dello Stato Islamico a ripiegare verso il centro

E’ in pieno svolgimento la battaglia tra le SDF e Isis presso l’ultima roccaforte dello Stato Islamico a Deir Ezzor: Susah. Le truppe di Operation Round Up (Jazeera Storm) stanno avanzando contro Daesh in periferia su due assi: nord ed est. L’obiettivo è chiudere i miliziani in centro, isolandoli dal resto del territorio da loro controllato nella Middle Euphrates River Valley (MERV). Si tratta di una piccola porzione nella provincia siriana, pari a circa 15 chilometri quadrati. L’1%, rispetto a quella su cui dettavano legge nel momento del loro massimo successo dei jihadisti. Il grosso delle forze IS nel paese è presente nel deserto di Badia, tra Homs e Deir Ezzor, dove si sono concentrati tutti i miliziani fuggiti dai campi di battaglia, che non hanno preferito rimanere in Siria invece che tentare di arrivare ai confini.

Continuano anche le evacuazioni dei civili dalle zone di scontro con Daesh, che si vendica con omicidi mirati e attentati. L’ultimo ha causato la morte di tre soldati Usa a Manbij

Intanto, le SDF stanno facendo una corsa contro il tempo per scortare i civili in fuga da Susah verso zone sicure a Deir Ezzor. Ciò a seguito dell’abbassamento delle temperature, che scendono fino a zero gradi. A proposito, Jazeera Storm sta distribuendo agli sfollati coperte, generi alimentari e kit di prima necessità, che li aiuteranno ad affrontare il viaggio fino ai campi profughi e i tempi necessari per la loro sistemazione. Lo Stato Islamico, non potendo contrastare l’offensiva nemica, reagisce con una serie di omicidi mirati. Da quelli dei comandanti delle SDF a gli attacchi terroristici verso i militari Usa. L’ultimo è avvenuto poche ore fa a Manbij e ha causato la morte di tre soldati americani, di due locali e di 13 civili.

Back To Top