skip to Main Content

Siria, Daesh cerca in ogni modo di fuggire nel deserto di Badiya

Siria, Daesh Cerca In Ogni Modo Di Fuggire Nel Deserto Di Badiya

E’ confermato, Daesh in Siria sta cercando a tutti i costi di raggiungere il deserto di Badiya nella provincia di Homs. Lo Stato Islamico sa che a Deir Ezzor non ha speranza

E’ confermato, Daesh in Siria sta cercando a tutti i costi di raggiungere il deserto di Badiya nella provincia di Homs. I miliziani dello Stato Islamico hanno lanciato una nuova ondata di attacchi contro l’esercito di Damasco (SAA) nella zona di Mayadeen, ma sono stati respinti. L’obiettivo era rompere le difese del SAA per creare un corridoio verso ovest. Che avrebbero, peraltro, potuto sfruttare i jihadisti Isis intrappolati sia a est nel pieno della Middle Euphrates Valley (MERV), al confine con l’Iraq, sia quelli a sud tra Hajin e Harse. Il fronte orientale, infatti, è bloccato dalle SDF di Jazeers Storm (operazione Round Up), le quali avanzano. Tanto che hanno appena lanciato chiesto di evacuare agli abitanti di Al-Shayer, Tal Al-Manakh e Tal Safuk. Perciò, tutta l’area a est dell’Eufrate è preclusa. L’unica via di fuga rimane quella a ovest nel deserto per raggiungere i confini con Iraq e Giordania.

Sui social media rimbalza la notizia che le milizie paramilitari pro-Iran a Deir Ezzor hanno annunciato l’inizio della battaglia finale per cacciare Isis dalla provincia

Intanto, sui social media rimbalza la notizia che le forze iraniane a Deir Ezzor hanno annunciato l’inizio della battaglia finale per cacciare Daesh dalla provincia siriana. Le unità paramilitari, guidate da elementi del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica (IGRC), dovrebbero operare al fianco del SAA nel deserto di Badiya. Queste, insieme ai soldati di Damasco, hanno già bonificato dai miliziani dello Stato Islamico l’area tra Mayaden e Faydat Muwaynah. Di conseguenza, dovrebbero spingersi a ovest. Non è chiaro, invece, cosa succederà ad Abu Kamal (Al Bukamal), dove c’è un grande presidio di soldati, che subiscono attacchi da Isis su base quasi quotidiana. Con buona probabilità non ci saranno grandi cambiamenti. Gli assetti verranno lasciati nella zona, ma non riceveranno i rinforzi necessari per avanzare contro i jihadisti. Sarà, infatti, compito delle SDF eliminare quelli a est della città, che rappresentano la principale minaccia.

Un video, apparso su Twitter, in cui le forze paramilitari pro-Iran annunciano l’offensiva contro Isis a Deir Ezzor

Back To Top