skip to Main Content

Siria, crescono i sospetti sulla nuova base della Russia a Deir Ezzor

Crescono i sospetti sulla nuova base della Russia a Deir Ezzor. La struttura di Al-Tebni è dotata di sistemi di difesa anti-aerea all’avanguardia. Lo Stato Islamico in Siria, però, non ha capacità di questo tipo

La nuova base militare della Russia ad Al-Tebni, a nord ovest di Deir Ezzor, è stata dotata di sistemi di difesa anti-aerea di ultima generazione. Lo riportano fonti locali. Questo nuovo elemento alimenta ulteriormente i sospetti sul reale scopo di stabilire la struttura nella provincia siriana, nata formalmente per fornire supporto all’esercito siriano (SAA) contro lo Stato Islamico nel deserto di Badia. Sembra, infatti, che ci sia un piano per circondare le sacche di resistenza IS nel quadrante. Ciò, usando il fiume e un’altra struttura, appena costituita dalle milizie pro-Iran presso le miniere di fosfato di Sawana (Homs), come barriere. La base della Federazione sarebbe perciò una piattaforma di lancio per le operazioni. Il SAA, però, possiede già diverse postazioni nell’area adatte allo scopo e più vicine alla zona calda. Inoltre, i jihadisti non hanno capacità aeree se non piccoli droni, che non giustificano di certo l’impiego di sistemi avanzati.

Back To Top