skip to Main Content

Siria, crescono I rischi di un nuovo violento conflitto ad Afrin

Crescono I rischi di un nuovo violento conflitto ad Afrin. La Turchia e le milizie alleate inviano rinforzi a Tel Abyad. Il SAA e le SDF fanno altrettanto a est di Ain Issa. Ankara deve allontanare il nemico da Idlib, ma il prezzo potrebbe essere altissimo

C’è il concreto rischio di un nuovo conflitto in Siria. La Turchia da giorni invia rinforzi a Tel Abyad, a nord di Raqqa. L’esercito di Damasco (SAA) fa altrettanto, insieme alle SDF curde, schierando uomini e assetti ad al-Tarawzeya, a est di Ain Issa. Le ultime a essersi unite alla partita sono le milizie alleate delle TAF, che muovono unità verso Afrin. Lo conferma l’Osservatorio Siriano per i Diritti Umani (SOHR). Non è chiaro cosa abbia determinato l’accelerazione della crisi. E’ certo, però, che la tensione nel quadrante è alle stelle. Secondo alcuni analisti, Ankara teme che il SAA possa avvicinarsi troppo a Zawiya, sfruttando la debolezza di Hayat Tahrir al-Sham (HTS) e delle altre fazioni locali; perciò, cerca di allontanare il nemico da Idlib. Il diversivo, però, potrebbe rivelarsi fatale. La Turchia perderebbe la neutralità della Russia, garante della tregua, e farebbe nascere un conflitto dagli esiti imprevedibili.

Back To Top