skip to Main Content

Siria, continuano le fughe di massa Isis verso Iraq, Giordania e Turchia

Siria, Continuano Le Fughe Di Massa Isis Verso Iraq, Giordania E Turchia

Isis giustizia a Sha’fa chi agevola le fughe di massa dei jihadisti verso Turchia, Giordania e Iraq

Continuano nell’area sud di Deir ez-Zor le fughe di massa nei ranghi Isis, verso le zone controllate dalle SDF. Nelle scorse ore, i miliziani Daesh hanno giustiziato due civili a Sha’fa per agevolare le defezioni dei jihadisti. Le direzioni sono tre: a est della provincia, verso la Middle Euphrates Valley; a nord cercando di arrivare in Turchia e a ovest. In questo caso i transfughi dello Stato Islamico puntano ad al-Tanf e alla frontiera tra Siria, Giordania e Iraq. Nelle ultime settimane, infatti, sono stati diverse intercettazioni di convogli Isil a sud da parte di Maghawir al-Thawra (MaT) e a nord arresti di terroristi effettuati delle forze speciali curde della YAT. Nell’ultima operazione i commandos hanno catturato 2 sauditi e 6 francesi, che cercavano di varcare il confine con la Turchia.

Si attende l’offensiva di Cizire Storm nella Middle Euphrates Valley e dell’esercito siriano ad Abu Kamal e nel deserto Hamad

Anche l’Iraq, comunque, nonostante sia stato bonificato quasi totalmente da Isis rimane una delle mete di fuga preferite del Daesh. In numerose occasioni recentemente le ISF hanno intercettato miliziani dello Stato Islamico che cercavano di infiltrarsi nel paese dai confini con la Siria. Passando sia attraverso la Middle Euphrates Valley sia a sud di Deir ez-Zor nell’area di Abu Kamal (Al Bukamal). Per fermare le fughe, nel primo caso si attende la liberazione di Hajin e delle altre città a est dell’Eufrate da parte di Cizire Storm. Una volta ultimate, le SDF daranno il via all’offensiva finale contro Isil nella MERV. Nel secondo, che l’esercito siriano (SAA) bonifichi Idlib, Aleppo e Damasco da Hayat Tahrir al-Sham (HTS). A quel punto, il SAA dovrebbe riprendere le manovre contro i jihadisti nell’area meridionale della provincia e nel deserto Hamad, eliminando le ultime sacche di resistenza dei terroristi.

Back To Top