skip to Main Content

Siria, conclusa la fase 1 dell’operazione anti-ISIS “Deterrence of Terrorism”

Siria, Conclusa La Fase 1 Dell’operazione Anti-ISIS “Deterrence Of Terrorism”

Si è conclusa la prima fase dell’operazione anti-ISIS “Deterrence of Terrorism” delle SDF tra Hasaka e Deir Ezzor. Oltre 110 miliziani dello Stato Islamico arrestati nelle manovre delle SDF, a cui collaborano Inherent Resolve e i soldati in Iraq

Si è conclusa la prima fase dell’operazione anti-ISIS “Deterrence of Terrorism” delle SDF tra Hasaka e Deir Ezzor. Le forze curde, in cooperazione con Inherent Resolve e con i soldati in Iraq, hanno arrestato oltre 110 miliziani dello Stato Islamico ed effettuato raid in 65 località. Le manovre, cominciate il 4 giugno e a cui partecipano oltre seimila combattenti, hanno coperto un’area di circa 175 chilometri per 60 e oltre 150 centri abitati, situati principalmente nel quadrante del fiume Khabur. Nel corso dell’operazione sono stati uccisi anche diversi jihadisti Daesh, mentre non si registrano vittime tra i militari locali. Peraltro, le perquisizioni al termine dei raid hanno portato al sequestro di grandi quantità di documenti, armi ed esplosivi. Ciò ha permesso di indebolire notevolmente la capacità operativa dei terroristi in tutta la regione siriana.

La fase 2 dell’operazione comincerà a breve. Le SDF andranno a caccia dei jihadisti Daesh più a sud nella provincia siriana

A breve partirà la seconda fase dell’operazione “Deterrence of Terrorism”. Al momento non ci sono informazioni ufficiali, ma sembra che le manovre anti-Isis delle SDF e di Inherent Resolve si spingeranno più a sud a Deir Ezzor. L’obiettivo è bonificare l’area della provincia siriana che da Busayrah, Shahil e Dhiban arriva fino al confine con l’Iraq, passando per i giacimenti di Al-Omar. Qui, secondo fonti locali, si concentrano diversi gruppi di miliziani dello Stato Islamico e vi sono basi importanti della rete logistica e di supporto a Daesh. Parallelamente, le forze curde cominceranno a setacciare anche il quadrante a ovest del Khabur, alla ricerca di cellule IS in fuga nelle zone desertiche. Quella in corso, peraltro, è la più grande offensiva delle SDF contro i terroristi dalla caduta di Baghuz e, almeno per il momento, non ha una data di scadenza.

Back To Top