skip to Main Content

Siria, il bilancio della guerra delle SDF contro Isis nel 2017

Le SDF tracciano un resoconto della guerra contro Isis in Siria nel 2017: dalla conquista di Tabqa e Raqqa, fino alle manovre in corso a Deir ez-Zor

Le SDF tracciano un bilancio della guerra contro Isis in Siria nel 2017. Dalla cattura di Tabqa e Raqqa, fino all’operazione anti-Daesh in corso a Deir ez-Zor: Cizire Storm (Al Jazeera). Complessivamente l’anno scorso è stata liberata dai jihadisti un’area di 7.257 chilometri quadrati. Il che si tramuta in 545 villaggi, insediamenti e zone strategiche (tra cui la diga di Tabqa) da cui lo Stato Islamico è stato cacciato. Inoltre, sono stati uccisi 5.682 miliziani e feriti oltre 8.000. Sono 1.333, invece, quelli fatti prigionieri dalle forze a guida curda e 650.000 civili sono stati salvati da Isil.

Dall’inizio dell’anno Daesh ha perso quasi 6.000 miliziani e molte armi e assetti pregiati tra Raqqa e Deir ez-Zor

Le SDF hanno distrutto 20 veicoli corazzati appartenenti a Isis in Siria; 186 auto-bomba, 121 mezzi militari, 18 mortai e 3 grandi fabbriche di ordigni e mine. Inoltre, sono stati neutralizzati 47 motociclette Daesh, 2 missili terrestri, 16 proietti da howitzer, 5 camion, 1 sistema di lancio di missili anti-aerei, 13 droni e 5 imbarcazioni usate dallo Stato Islamico. Sequestrati ai jihadisti – tra le altre cose – anche 600 fucili mitragliatori AK-47 e 13.000 AK-74, oltre 20.000 proiettili, 44 lanciatori RPG, 12 razzi al fosforo e diverse istallazioni. Tra queste 18 per la costruzione di mine, 6 per auto-bomba, 2 per mortai e 5 per lanciarazzi. Le forze a guida curda hanno perso 793 combattenti nel 2017 contro Isil, mentre sono stati 1.685 quelli feriti nelle operazioni Wrath of Euphrates e The Great Battle, conclusa il 20 ottobre dell’anno scorso.

Il bilancio provvisorio di Cizire Storm: uccisi già 1.345 miliziani Isis e liberati 9.000 km

Le SDF hanno lanciato Cizire Storm in Siria a Deir ez-Zor il 9 settembre del 2017. L’area settentrionale della provincia è stata completamente bonificata dalla presenza del Daesh. Inoltre, sono stati liberati 9.000 chilometri quadrati e 210 tra villaggi e insediamenti. Nel corso dell’operazione Al Jazeera, lo Stato Islamico ha perso finora 1.345 miliziani e altri 4.000 sono rimasti feriti. A questi si aggiungono 65 jihadisti catturati e 350.000 civili salvati dallo Stato Islamico. Ciò, nonostante le manovre siano ancora in corso. Tra le armi, i mezzi e gli equipaggiamenti distrutti ci sono 14 modelli diversi di mitragliatrici pesanti DSHK, 14 mortai, 24 auto-bomba (VBIED). I sequestri, invece, hanno visto anche fucili da cecchino Mosin e Dragunov, 5 droni, 9 missili terrestri, un laptop e un tablet. Infine, nell’operazione sono morti 162 membri delle SDF e altri 416 sono rimasti feriti.

La nota completa delle attività delle SDF nel 2017, in cui ci sono anche i dati relativi al conflitto con la Turchia

 

Back To Top