skip to Main Content

Siria, a Deir Ezzor pressing in aumento su Daesh nell’area di Baghuz

Siria, A Deir Ezzor Pressing In Aumento Su Daesh Nell’area Di Baghuz

Daesh a Deir Ezzor ha subito grosse perdite per un raid della Coalizione Baghuz Fawqani. Intanto le SDF avanzano verso Harse e l’artiglieria francese bombarda a est

I miliziani Daesh a Deir Ezzor hanno subito ingenti perdite a seguito di un raid aereo della Coalizione contro il loro quartier generale a Baghuz Fawqani. L’operazione è stata effettuata mentre le SDF di Jazeera Storm (operation Round Up) si avvicinano alla zona, anche se lentamente. Il quadrante della provincia siriana, infatti, è stato investito da piogge torrenziali, che hanno reso difficili i movimenti. A seguito di ciò, i jihadisti dello Stato Islamico pensavano di essere al sicuro e si sono esposti, ma non avevano fatto i conti con i caccia di Inherent Resolve. Di conseguenza, si sono resi conto dell’attacco quando era troppo tardi. Intanto, le forze arabo-curde chiudono Isis anche da sud, stringendo le fila per attaccare Harse. Prendere la città è strategico per poi puntare a Baghuz Fawaqni e risalire a nord verso Sha’fah. Inoltre, l’artiglieria francese sta prendendo di mira postazioni dei fondamentalisti a est.

Isis continua ad attaccare le NDF e l’esercito siriano (SAA) nel deserto di Badiya. L’ultima offensiva in massa di Isis è stata respinta a Humaymah

Parallelamente, Daesh continua i suoi attacchi contro le NDF e l’esercito siriano (SAA) nel deserto di Badiya a Homs. I miliziani dello Stato Islamico hanno lanciato alcune ore fa una violenta offensiva a Humaymah, ma sono stati respinti con perdite. Isis continua a spingere nella zona, dove ha raggruppato buona parte dei suoi uomini, tra cui anche quelli fuggiti da Yarmouk, dopo un accordo con Damasco. L’obiettivo è usare la zona per riorganizzarsi o per tentare la fuga nell’unica direzione possibile: a sud ovest verso i confini con Iraq e Giordania. A questo proposito, i jihadisti attaccano periodicamente il SAA nell’area di Deir Ezzor e a nord di Abu Kamal (Al Bukamal) per cercare di creare un corridoio sicuro verso occidente. Finora, però, tutti i tentativi dei fondamentalisti sono stati vani, in quanto le difese dei soldati hanno retto seppur a costi elevati in termini di vite umane.

Back To Top