skip to Main Content

Siria, 1.300 miliziani Isis e le loro famiglie si arrendono alle SDF a Baghouz

Siria, 1.300 Miliziani Isis E Le Loro Famiglie Si Arrendono Alle SDF A Baghouz

1.300 miliziani Isis e le loro famiglie si arrendono alle SDF a Baghouz, lo conferma il portavoce di Jazeera Storm. Lo Stato Islamico ha tempo fino a oggi per arrendersi, poi le forze arabo-curde entreranno nella tendopoli

Nuova resa di massa tra i ranghi Isis a Deir Ezzor. Lo conferma il portavoce delle SDF, Mustafa Bali, in un Tweet in cui si parla di circa 1.300 elementi. All’interno del messaggio si legge che a seguito dell’intensa offensiva di Jazeera Storm, che da fronti multipli attacca il territorio ancora nelle mani dello Stato Islamico a Baghouz, un elevato numero di miliziani Daesh e di loro famiglie ha cominciato a consegnarsi nelle scorse ore. Si parla di centinaia di jihadisti. A questi vanno aggiunti almeno 112 membri di IS, uccisi dai combattenti siriani nelle ultime 24 ore. Ciò a fronte di nessuna perdita dall’altra parte. I fondamentalisti hanno tempo fino a oggi per arrendersi. Poi, le forze arabe-curde faranno irruzione nella tendopoli e nei tunnel sotterranei. L’obiettivo è conquistare la zona entro la fine della settimana, per così poter dichiarare la provincia libera dai terroristi. 

Daesh diffonde un video in cui a Baghouz anche le donne combattono contro le SDF. Ma è solo propaganda 

Intanto, continua la battaglia tra Isis e le SDF nella tendopoli. I miliziani dello Stato Islamico continuano a subire perdite a seguito dei raid della Coalizione Internazionale e degli attacchi dell’artiglieria di Jazeera Storm. I pochi jihadisti rimasti, secondo alcuni video che circolano sul web, hanno coinvolto anche le loro famiglie negli scontri. Nei filmati, infatti, si vedono donne che partecipano alle sparatorie contro le forze arabo-curde a Baghouz. Si tratta, però, solo di propaganda Daesh, dato che la maggior parte di loro e i figli sono stati allontanati dall’accampamento nei giorni scorsi, in quanto il cibo era finito. Di conseguenza, ogni razione disponibile doveva essere riservata ai fondamentalisti IS. Perciò, se ci sono ancora delle donne nella zona, queste sono molto poche. Soprattutto quest’ultima resa di massa, che di fatto ha “svuotato” il bacino da cui attingere combattenti.

Photo Credits: SDF

Back To Top