skip to Main Content

RDC, qualcuno cerca di far deragliare il processo di pace Kinshasa-M23

Qualcuno cerca di far deragliare il processo di pace Kinshasa-M23 nella RDC. Proteste a Goma contro la forza dell’EAC, che subisce le stesse accuse di MONUSCO. Si sospettano influenze esterne e una regia comune delle campagne d’odio

Nella Repubblica Democratica del Congo (RDC/DRC) c’è qualcuno che sta sobillando la popolazione per far deragliare il processo di pace tra Kinshasa e il gruppo March 23 (M23). Nelle scorse ore si è tenuta una protesta a Goma contro la forza dell’East African Community (EAC), che sta mediando il cessate il fuoco tra le parti. Il contingente EAC è stato accusato dai civili locali di non fare abbastanza per evitare le violenze e di limitarsi a osservare quanto accade senza reagire. Lo stesso identico refrain usato contro MONUSCO, la missione ONU nel paese africano, fatta più volte oggetto di attacchi armati. Anche in quel caso ci sono forti sospetti circa un’influenza esterna nelle campagne d’odio. Data la similitudine di leve sfruttate e dei bersagli (attori internazionali) presi di mira, non si esclude che ci sia una regia comune, il cui obiettivo è estromettere gli attuali attori stranieri nella RDC per sostituirli con altri.

Back To Top