skip to Main Content

Nigeria, scoppia l’emergenza degli omicidi legati al traffico di organi

Nigeria, scoppia l’emergenza degli omicidi legati al traffico di organi: due episodi in pochi giorni. Occhi puntati su ISWAP. Il modus operandi ricalca quello di ISIS in Iraq e Siria

Nuova emergenza in Nigeria, che si aggiunge a quella del terrorismo jihadista: gli omicidi legati al traffico di organi. Nei giorni scorsi è stato trovato il cadavere di un uomo di affari di Anambra a cui mancavano alcuni organi vitali. Stessa sorte per una studentessa di Jos, il cui corpo è stato da poco rinvenuto mutilato e privo degli organi vitali. Qualcuno ha puntato il dito sugli omicidi rituali, ma l’aumento improvviso del fenomeno e la breve distanza tra un omicidio e l’altro fa pensare che dietro ci sia altro. D’altronde, recentemente si è registrato anche un aumento di attacchi di ISWAP, che si è alleato con criminali locali per cercare di estendere la sua influenza nel paese africano. Inoltre, pratiche di questo tipo erano molto diffuse tra i gruppi pro-ISIS in Iraq e Siria, allo scopo di finanziarsi. Di conseguenza, non si può escludere che le stesse barbarie ora vengano riproposte anche in Africa.

Back To Top