skip to Main Content

Medio Oriente, l’Iraq sigilla i confini con Turchia e Iran

L’Iraq sigilla i confini con Turchia e Iran. Baghdad invia rinforzi ed equipaggiamenti per contrastare le crescenti violazioni alla sua sovranità nazionale. Il Kurdistan, invece, riceve aiuti internazionali per la sicurezza

L’Iraq sigilla i suoi confini con la Turchia e l’Iran per contrastare le frequenti violazioni dei due paesi alla sovranità nazionale di Baghdad. Lo ha deciso il neo premier Mohammed Shia’ al-Sudani, che ha ordinato alle ISF di serrare i ranghi e di rafforzare tutte le postazioni nelle aree coinvolte. A questo proposito verranno inviati nuove armi ed equipaggiamenti che contribuiranno al miglioramento del monitoraggio e alla prevenzione degli sconfinamenti. L’unico elemento incerto riguarda la protezione del Kurdistan iracheno, recentemente preso di mira da Teheran per annientare i gruppi interni di opposizione curdi con il pretesto che questi alimentano e supportano le proteste nella nazione mediorientale. I vertici militari di Baghdad non hanno, infatti, nominato la regione tra quelle che subiranno un “surge” di sicurezza. Di contro, però, Erbil può contare su altri partner internazionali, che hanno aumentato il supporto alla Difesa sia quantitativo sia qualitativo.

Back To Top