skip to Main Content

La Turchia annuncia un’operazione navale nel Mediterraneo orientale

La Turchia Annuncia Un’operazione Navale Nel Mediterraneo Orientale

La Turchia annuncia la nuova operazione navale Mediterranean Shield, che impiegherà 2 corvette e altrettanti sottomarini

La Turchia ha annunciato l’implementazione di un’operazione navale nell’area est del Mediterraneo. Nome delle manovre: Mediterranean Shield. Scopo: garantire e proteggere gli interessi e i bersagli di Ankara nella zona. All’operazione partecipano, secondo fonti ufficiali del paese, almeno 2 corvette e altrettanti sottomarini delle TAF. Non è chiaro, però, se Ankara si sia confrontata precedentemente con la NATO e l’Unione Europea. Né se vi siano accordi in tal senso. L’Alleanza Atlantica è presente nel Mediterraneo con l’operazione Sea Guardian e con i gruppi navali (Standing NATO Maritime Group) SNMG1 e SNMG2 con compiti anti-terrorismo e di pattugliamento. L’Unione Europea, invece, schiera l’operazione Themis (nell’area centrale) ed EUNAVFOR MED Sophia. E l’Italia partecipa a tutte le missioni.

Non è chiaro se le manovre navali nel Mediterraneo siano concordate con NATO e UE. Ma comunque, rappresentano una grande incognita per la stabilità dell’area

La presenza di assetti militari di mare della Turchia in Mediterraneo è una grossa incognita per la stabilità l’area. Sia per le regole di ingaggio di Ankara che, come si è visto in Siria, sono diverse sia da quelle della NATO e della UE, sia per gli obiettivi prefissati. Non è chiaro, infatti, quali siano gli “interessi nazionali” turchi da tutelare nello specchio di mare, né fino a dove si spingerà la missione Mediterranean Shield. Ciò potrebbe riflettersi sull’operatività e sulla sicurezza del personale delle missioni dell’Alleanza e dell’Unione Europea nell’area. Senza contare che i rischi che i paesi che si affacciano sull’area, come Israele e il Libano, possano reagire a quella che sembra una nuova ed ennesima provocazione di Recep Tayyp Erdogan.

Back To Top