skip to Main Content

Isis ha perso i confini tra Iraq e Siria. Il Califfato in Medio Oriente è morto

Isis Ha Perso I Confini Tra Iraq E Siria. Il Califfato In Medio Oriente è Morto

Isis non controlla più il confine tra Iraq e Siria. Presto a Baghdad parata per celebrare la liberazione del paese dal Daesh

Isis è stato cacciato dal confine tra Iraq e Siria. Lo hanno annunciato le milizia paramilitari sciite PMU, le quali hanno confermato di essere nel pieno controllo delle frontiere. L’operazione Al Jazeera tra Anbar, Salahuddin e Nineveh, ha visto i miliziani Daesh fuggire all’interno della Siria, abbandonando le loro postazioni in territorio iracheno. Durante la battaglia, comunque, 21 jihadisti sono stati uccisi, è stato preso un quartier generale e sequestrate numerose armi e munizioni. Inoltre, è stato distrutta almeno un’auto-bomba (SVBIED). All’interno del paese, perciò, rimane una piccola sacca di resistenza Isil, che però è circondata su ogni lato. I terroristi al suo interno non hanno alcuna possibilità di fuga. Perciò, la loro unica alternativa è arrendersi o morire entro brevissimo tempo. Come previsto, infatti, la parata militare per la liberazione della nazione si potrebbe tenere già domani. O al massimo i primi giorni della prossima settimana.

In Siria, Isis è relegato nella Middle Euphrates Valley. Che però, le SDF stanno per attaccare

Di fatto, Isis è stato sconfitto definitivamente in Iraq. In Siria, invece, Daesh ha ancora un grande contingente, rinchiuso però solo nella Middle Euphrates Valley (MERV). Inoltre, le SDF dell’operazione Cizire Storm (Al Jazeera) si stanno preparando a invadere la zona per dichiarare sconfitto lo Stato Islamico anche nel paese. Una volta completata quest’ultima operazione, verrà sancito formalmente che Isil ha perso la sua guerra per creare un Califfato in Medio Oriente. Fine, perciò, del sogno di Abu Bakr al-Baghdadi e delle migliaia dio foreign fighters che lo hanno seguito. Rimarranno alcuni alveari dei terroristi, soprattutto in Africa settentrionale e sub sahariana (Libia, Egitto e Sahel), nonché nel sud est asiatico. Dall’Afghanistan alle Filippine.

Back To Top