skip to Main Content

Isis, gli USA raddoppiano la taglia su Qurashi. Il cerchio si stringe?

Isis, Gli USA Raddoppiano La Taglia Su Qurashi. Il Cerchio Si Stringe?

Il programma Rewards for Justice porta la ricompensa per chi fornirà informazioni utili a scovare il califfo Isis a 10 milioni

Aumenta la taglia degli Stati Uniti su Amir Muhammad Sa’id Abdal-Rahman al-Mawla, alias Abu Ibrahim al-Hashimi al-Qurashi, il califfo Isis. Questa passa da cinque a dieci milioni di dollari. Secondo il programma Rewards for Justice, il jihadista iracheno (sarebbe nato a Tal Afar) è anche noto come Hajji Abdallah e in precedenza ha fatto parte di al Qaeda. Poi, è cresciuto nei ranghi dello Stato Islamico fino a diventarne vice comandante. Inoltre, come uno tra i più influenti ideologi di Daesh, ha aiutato a gestire e a giustificare il rapimento, il genocidio e la tratta degli Yazidi. Infine, ha guidato alcune delle operazioni terroristiche del gruppo a livello globale. E’ salito alla guida di IS dopo la morte di Abu Bakr al-Baghdadi a ottobre del 2019, nel corso di un raid militare Usa.

Il raddoppio della taglia è un segnale che il cerchio si stringe sul leader Daesh? Intanto, Inherent Resolve e i partner locali decimano la leadership dello Stato Islamico

Non ci sono conferme ufficiali, ma è probabile che l’intelligence USA o Inherent Resolve sia sulle tracce di Qurashi e abbia bisogno di input per affinare la ricerca. A sostegno di questa tesi ci sono due elementi. Da una parte il raddoppio della taglia sul leader dello Stato Islamico. L’obiettivo è invogliare qualche suo uomo a tradirlo. Dall’altra lo stesso messaggio del programma Rewards for Justice. “Questa ricompensa è un momento importante nella nostra lotta contro Daesh e le sue branche e reti in tutto il mondo. Essendo stato ISIS sconfitto sul campo di battaglia – si legge nel testo -, siamo determinati a identificare e trovare i leader del gruppo”. Ciò in modo che la Coalizione possa continuare a distruggere i resti di IS e a contrastare “le sue ambizioni globali”. Segno che sono in atto sforzi, come confermano i recenti raid contro comandanti del gruppo in Iraq e Siria.

Back To Top