skip to Main Content

Isis, gli USA raddoppiano la taglia su Qurashi. Il cerchio si stringe?

Il programma Rewards for Justice porta la ricompensa per chi fornirà informazioni utili a scovare il califfo Isis a 10 milioni

Aumenta la taglia degli Stati Uniti su Amir Muhammad Sa’id Abdal-Rahman al-Mawla, alias Abu Ibrahim al-Hashimi al-Qurashi, il califfo Isis. Questa passa da cinque a dieci milioni di dollari. Secondo il programma Rewards for Justice, il jihadista iracheno (sarebbe nato a Tal Afar) è anche noto come Hajji Abdallah e in precedenza ha fatto parte di al Qaeda. Poi, è cresciuto nei ranghi dello Stato Islamico fino a diventarne vice comandante. Inoltre, come uno tra i più influenti ideologi di Daesh, ha aiutato a gestire e a giustificare il rapimento, il genocidio e la tratta degli Yazidi. Infine, ha guidato alcune delle operazioni terroristiche del gruppo a livello globale. E’ salito alla guida di IS dopo la morte di Abu Bakr al-Baghdadi a ottobre del 2019, nel corso di un raid militare Usa.

Il raddoppio della taglia è un segnale che il cerchio si stringe sul leader Daesh? Intanto, Inherent Resolve e i partner locali decimano la leadership dello Stato Islamico

Non ci sono conferme ufficiali, ma è probabile che l’intelligence USA o Inherent Resolve sia sulle tracce di Qurashi e abbia bisogno di input per affinare la ricerca. A sostegno di questa tesi ci sono due elementi. Da una parte il raddoppio della taglia sul leader dello Stato Islamico. L’obiettivo è invogliare qualche suo uomo a tradirlo. Dall’altra lo stesso messaggio del programma Rewards for Justice. “Questa ricompensa è un momento importante nella nostra lotta contro Daesh e le sue branche e reti in tutto il mondo. Essendo stato ISIS sconfitto sul campo di battaglia – si legge nel testo -, siamo determinati a identificare e trovare i leader del gruppo”. Ciò in modo che la Coalizione possa continuare a distruggere i resti di IS e a contrastare “le sue ambizioni globali”. Segno che sono in atto sforzi, come confermano i recenti raid contro comandanti del gruppo in Iraq e Siria.

Back To Top