Isis è in fuga in tutta la Siria: braccato da Deir Ezzor a Suweida, a Idlib

Siria Syria Hajin Islamicstate Suweida Idlib Hts Hezbollah Leaflets Damascus Deirezzor Sdf Operationroundup Captagon Operationroundup Islamicstate Homs Smuggling Inherentresolve Coalizione Sdf Saa Merv Iraq Drugs Droga Jazeerastorm Islamicstate Inherentresolve Iraq Isf Dashisha Fughedimassa Saa Syrianarmy Yarmouk Isis Shishani Syria Cecenia Kirkuk Albaghdadi–iraq Isil Merv Deirezzor Middleeuphratesvalley Sdf Saa Esercitosiriano Raqqa Russia Usa Damasco Daesh Statoislamico Popolazione Vendetta Obaidi Al Baghdadi Mosul Raqqa Siria Iraq Serial Killer Giustizieri Hawija Mosul Tal Afar Donne Sconfitta Bandiera Daesh Siria Iraq Isil

I miliziani Isis, assediati in tutta la Siria, tentano di fuggire in zone sicure. A Deir Ezzor attaccano l’esercito di Damasco (SAA) per allontanarsi dalle SDF, mentre a Suweida si ritirano per evitare il confronto diretto

Isis è in fuga in tutta la Siria. I miliziani dello Stato Islamico a Deir Ezzor, assediati dalle SDF dell’Operazione Round Up (Jazeera Storm) tra Hajin e Harse, tentano di ripiegare verso ovest, nella zona del deserto di Badia. Per farlo hanno attaccato l’esercito di Damasco (SAA) nella città di Hamdan, vicino ad Abu Kamal (Al Bukamal). A Suweida, inoltre, i jihadisti Daesh provano ad evitare il confronto diretto con il SAA, preferendo cedere terreno ai soldati piuttosto che affrontarli. In pochi giorni, infatti, i militari hanno conquistato circa metà della sacca di resistenza dei terroristi, prendendo oltre 30 chilometri. Tanto che avanzano a Rizema Orientale e Ramiya, nonché in direzione di Mahra Rashid, Tal Salim Al-Luf e Tall Al Safa. Tutto il quadrante, comunque è bombardato costantemente e i tentativi di ripiego di IS a ovest portano pochi frutti.

A Idlib, Hayat Tahrir al-Sham (HTS) dà la caccia ai miliziani dello Stato Islamico, mentre si prepara all’offensiva di Damasco. Insieme al SAA potrebbero combattere anche i guerriglieri Hezbollah

Anche a Idlib le cose non vanno meglio per Isis. I jihadisti dello Stato Islamico sono costretti a fuggire non solo dall’esercito siriano, ma anche dai miliziani di Hayat Tahrir al-Sham (HTS) che li bracca nell’area sud della provincia. Negli ultimi giorni, infatti, gli arresti di membri Daesh – insieme a quelli dei collaborazionisti che vogliono la riconciliazione con Damasco – si sono moltiplicati in tutto il quadrante. Questi avvengono nel mentre il regime si prepara a un’offensiva di massa nella zona. Tanto che sono stati lanciati leaflets sull’area per avvertire la popolazione dei rischi nel sostenere i ribelli. Parallelamente, stanno confluendo nella vicina Aleppo i guerriglieri Hezbollah, che potrebbero partecipare alle manovre. Secondo fonti locali poco fa 12 pullman con elementi della formazione sono partiti da Deir Ezzor per raggiungere il nord del paese mediorientale.