skip to Main Content

Iraq, Victory Will distrugge dieci centri di comando Isis ad Anbar

Iraq, Victory Will Distrugge Dieci Centri Di Comando Isis Ad Anbar

Le ISF distruggono dieci centri di comando e controllo Isis ad Anbar, durante la quarta fase dell’operazione Victory Will. Obiettivo: evitare che i miliziani dello Stato Islamico fuggano in Siria e chiederli in un’area circoscritta, in vista dell’attacco finale

Le ISF hanno distrutto dieci centri di comando Isis nella provincia di Anbar al confine con la Siria. I militari dell’operazione Victory Will, a seguito di informazioni d’intelligence, hanno lanciato un’offensiva in simultanea per colpire le strutture dello Stato Islamico, distrutte in poche ore. Parallelamente, appena cominciata la quarta fase delle manovre, le SDF di Jazeera Storm hanno rafforzato la vigilanza a Deir Ezzor lungo le frontiere con l’Iraq per impedire che i miliziani potessero attraversare per fuggire. L’obiettivo oggi è chiudere e isolare i jihadisti Daesh in un luogo circoscritto, in modo da lanciare poi l’attacco finale per eliminarli definitivamente. Le truppe di Baghdad prima hanno operato anche a Nineveh, Salahuddin e Diyala. Poi, si sono concentrate su Anbar, in cui è presente una grande sacca di resistenza di fondamentalisti, fuggiti dai campi di battaglia del paese vicino.

Ulteriori operazioni anti-Daesh sono in corso in altre province dell’Iraq. Inoltre, i jihadisti perdono una grande rete di grotte e tunnel a sud ovest di Erbil

Operazioni anti-Isis, comunque, procedono anche in altre aree dell’Iraq, seppure su scala minore. Le ISF, infatti, stanno setacciando diverse province alla ricerca delle cellule dello Stato Islamico, disseminate nel paese mediorientale. Inoltre, le truppe di Baghdad puntano alle reti di facilitatori e alle strutture per ridurre la capacità operativa di Daesh. I miliziani stanno tentando di reagire con diversi attacchi, sia contro le forze di sicurezza sia contro la popolazione. L’ultimo è avvenuto qualche ora fa a Kirkuk e ha causato diversi morti e feriti. Prima c’era stato un tentato blitz dei jihadisti contro le milizie sciite PMF nel distretto di Khanaqin a Diyala. A Qaraj, invece,(sub-distretto di Makhmour a sud ovest di Erbil) IS ha perso una grande rete di grotte e tunnel. Questa è stata bombardata e distrutta da distanza di sicurezza.

Back To Top