skip to Main Content

Iraq/Siria, la Coalizione elimina 6 leader Isis: pianificavano attacchi all’estero

Iraq/Siria, La Coalizione Elimina 6 Leader Isis: Pianificavano Attacchi All’estero

La Coalizione Internazionale ha ucciso in Iraq e Siria 6 comandanti del Daesh, che pianificavano attacchi terroristici in Arabia Saudita, Usa e Svezia. Ecco chi erano

La Coalizione Internazionale ha eliminato sei leader e pianificatori Isis dalla fine di aprile. Non è chiaro solo se in Siria o anche in Iraq. Secondo quanto rende noto Inherent Resolve (CJTF), questi pianificavano attacchi terroristici in Arabia Saudita, Stati Uniti e Svezia. Munawwar al-Mutayari, membro dello Stato Islamico in Siria, è stato ucciso il 24 aprile. Il jihadista pianificava attacchi contro Riad. Il belga Soufiane Makouh, anch’esso in Siria puntava a compiere attentati negli Usa ed è stato neutralizzato il 2 giugno. Il 12 dello stesso mese le forze internazionali hanno effettuato un attacco mirato, che ha portato alla morte Simak, un comandante del Daesh legato a un piano di attacchi in Svezia. Questo vedeva anche il coinvolgimento di Abu Awf e Abu-Quddamah, nonché di Sharif al-Ragab. I primi due sono stati uccisi il 24 giugno e il terzo il 26.

Inherent Resolve: Isis, con le forze convenzionali sotto pressione in Siria, cerca di rimanere rilevante attraverso operazioni che minacciano tutte le nazioni del mondo

“Con le sue forze convenzionali sotto forte pressione in Siria, Daesh sta cercando disperatamente di rimanere rilevante attraverso operazioni che minacciano tutte le nazioni del mondo”. Lo ha affermato in una nota il generale Brian Eifler, a capo delle operazioni di Inherent Resolve. “La Coalizione ei suoi partner – ha sottolineato l’alto ufficiale – continueranno a negare allo Stato Islamico luoghi sicuri (safe heavens) in Siria e in Iraq, al fine di distruggere le capacità di Daesh di pianificare, coordinare e portare a termine attacchi contro le nazioni del mondo”. A conferma di ciò, i caccia della CJTF tra il 16 e il 22 luglio hanno effettuato 24 raid su 40 bersagli nei due paesi (21 nel primo, tutti nella provincia di Deir Ezzor, e 3 nel secondo).

La nota di Inherent Resolve

Back To Top