skip to Main Content

Iraq-Siria, aumenta il pressing delle SDF e delle ISF su Isis

Iraq-Siria, Aumenta Il Pressing Delle SDF E Delle ISF Su Isis

Aumenta il pressing su Isis in Iraq e Siria. Le SDF effettuano raid in diverse zone di Hasakah e Deir Ezzor alla ricerca delle cellule e dei depositi segreti dello Stato Islamico

Isis è sotto forte pressing nell’est della Siria e in Iraq. A Deir Ezzor e Hasakah, le SDF stanno effettuando una serie di blitz mirati per neutralizzare le cellule dello Stato Islamico e le loro riserve segrete. Nella prima provincia ci sono stati raid contro covi Daesh, alla ricerca di comandanti e facilitatori, che hanno portato all’arresto di numerosi miliziani e alla morte di altri. Nella seconda, le forze di Jazeera Storm hanno sequestrato un grande deposito di armi e munizioni, arrestando altri jihadisti. Le manovre, peraltro, non sono finite. Per motivi di sicurezza e opportunità non sono stati forniti dettagli, ma è stato confermato che proseguiranno in diverse località contemporaneamente. Ciò per non dare ai terroristi la possibilità di fuggire o di spostare le loro risorse in aree più sicure.

Le ISF danno la caccia a Daesh a Nineveh e Diyala. In entrambi i paesi, inoltre, la Coalizione Internazionale fornisce supporto aereo e bombarda le postazioni dei jihadisti

In Iraq le ISF, nel corso della nuova operazione anti-Isis a Nineveh e Diyala, hanno arrestato cinque miliziani e un leader Daesh a Mosul. Inoltre, hanno distrutto dodici covi dei jihadisti a sud e a ovest dell’ex capitale dello Stato Islamico nel paese mediorientale. Nell’altra provincia sono stati neutralizzati alcuni centri di comando del gruppo e distrutti magazzini di armi, munizioni ed esplosivi. Anche la Coalizione Internazionale partecipa alle manovre in Iraq e Siria, continuando a fornire supporto aereo alle SDF e alle ISF sul terreno, con numerosi bombardamenti. Dal 2 al 31 luglio gli assetti di Inherent Resolve hanno effettuato nelle due nazioni 34 strike contro bersagli IS. Inoltre, la Coalizione ha rilevato otto attacchi da attori terzi, che hanno attraversato la Valle dell’Eufrate.  

Back To Top