skip to Main Content

Iraq, le ISF decimano la leadership Isis con una serie di arresti

Iraq, Le ISF Decimano La Leadership Isis Con Una Serie Di Arresti

Le ISF dell’operazione Victory Will (Irada al-Nasr) decimano la leadership Isis i Iraq. Catturato uno stretto collaboratore di al-Baghdadi e vari alti personaggi dello Stato Islamico

Massiccia campagna di arresti in Iraq contro le cellule Isis. Le ISF dell’operazione Victory Will (Irada al-Nasr) hanno decimato la leadership dello Stato Islamico nel paese mediorientale. A Nineveh è stato catturato uno dei più stretti collaboratori di Abu Bakr al-Baghdadi. L’uomo, di cui non sono state fornite le generalità, era a capo du una gruppo Daesh responsabile di numerosi attacchi non solo nel paese mediorientale. Ma anche contro ambasciate e chiese in Egitto e Siria. Sembra, peraltro, che si stessero pianificando azioni analoghe anche nella provincia. A Tarmiyah, invece, sono stati bloccati un emiro e alcuni suoi uomini. Infine, a Kirkuk, c’è stato un blitz dei commandos ad Hawija, che ha portato all’arresto di altri due jihadisti. Questi erano al vertice di una formazione, specializzata in attacchi contro i soldati e la popolazione locale.

Intanto le manovre anti-Daesh procedono a ritmo spedito e nella secoda fase aggiungono anche Baghdad ad Anbar, Nineveh, Salahuddin e Diyala

Intanto, prosegue a ritmo spedito la seconda fase dell’operazione Victory Will. Le ISF nelle scorse ore hanno bonificato dalla presenza di Isis dodici villaggi a nord di Baghdad. La capitale, infatti, è entrata a far parte delle aree coinvolte dalle manovre contro lo Stato Islamico, insieme ad Anbar, Nineveh, Salahuddin e Diyala (le montagne di Hamrin). Obiettivo dell’offensiva è neutralizzare tutte le cellule dei jihadisti, obbligando quelle restanti a fuggire verso il deserto a ovest. Ciò, in modo da chiudere i miliziani Daesh in una piccola area. A quel punto comincerà la fase finale dell’operazione: l’invasione di terra per eliminare definitivamente l’ultima sacca di resistenza IS in Iraq.

Back To Top