skip to Main Content

Iraq, Isis punta sui maxi riscatti per finanziare la sua sopravvivenza

Iraq, Isis Punta Sui Maxi Riscatti Per Finanziare La Sua Sopravvivenza

Isis cambia la strategia di finanziamento in Iraq e punta sempre più sui rapimenti, soprattutto a Diyala. Lo Stato Islamico accantona le azioni lampo per concentrarsi su operazioni più lunghe, ma che portino profitti maggiori

Isis in Iraq cambia strategia per reperire fonti di finanziamento, necessarie alla sopravvivenza e all’espansione delle sue attività. Soprattutto a nord est tra Diyala e Kirkuk. I miliziani dello Stato Islamico da tempo hanno avviato una serie di azioni sistematiche per sottrarre denaro alla popolazione: dall’istituire falsi check point in cui “chiedere” pedaggi all’introdurre tasse e balzelli per gli abitanti locali, ai rapimenti. Questi, però, recentemente hanno subito un cambiamento. Da azioni lampo si è passati ad attività più a lungo termine, il cui obiettivo è trarre guadagni maggiori. L’ultimo caso è di poche ore fa e ha visto coinvolti due uomini curdi di Garmiyan, rilasciati dopo sei mesi di prigionia e il pagamento di un riscatto di oltre 40.000 dollari ciascuno. I mediatori Daesh hanno contattato le loro famiglie e hanno trattato affinché fossero liberati.

Negli ultimi giorni c’è stato un boom di rapimenti e di pagamenti di maxi riscatti. Daesh, però, non cambia tecnica

Le caratteristiche dei rapimenti e i riscatti pagati fanno pensare che i miliziani Isis nel nord est dell’Iraq abbiano fatto un salto di qualità. A ulteriore conferma c’è il fatto che quello di Garmiyan è il secondo caso di questo tipo, verificatosi in solo una settimana. Nei giorni scorsi, infatti, Daesh aveva rilasciato due fratelli, sequestrati al confine tra le province di Salahuddin e Diyala, dopo il pagamento di 70.000 dollari. Inoltre, il mese scorso sono state rapite altre nove persone nell’area. La tecnica è sempre la stessa: membri dello Stato Islamico, vestiti con uniformi militari, prendono di mira piccoli gruppi di civili lungo strade poco trafficate o attraverso falsi check point. Dopo averli fermati, legati e bendati, li trasferiscono presso prigioni artigianali. Solitamente, come spiegato dalle persone liberate, sono cantine senza finestre di edifici. Infine, i rapitori interagiscono con le vittime a volto coperto e dopo averli bendati.

Back To Top