skip to Main Content

Iraq, ISF-Peshmerga-Inherent Resolve attaccano Isis a Hamrin e Makhmour

ISF, Peshmerga e Inherent Resolve lanciano una maxi operazione ad Hamrin e Makhmour per distruggere i depositi di armi ISIS e la capacità di movimento dei jihadisti verso Kirkuk

Le ISF e Inherent Resolve prendono di mira la logistica e le rotte di movimento Isis sulle montagne Hamrin. Nelle scorse ore i sono stati diversi raid aerei delle forze irachene e della Coalizione nel governatorato di Salahuddin, che hanno portato alla distruzione di depositi di armi, munizioni ed esplosivi di IS. Inoltre, sono stati resi inagibili diversi passi e strade, usati dai jihadisti per muoversi nell’area. Obiettivo: impedire loro di lanciare attacchi soprattutto verso Kirkuk e il confine con il Kurdistan. Non a caso, c’è stata un’operazione parallela anche sul fronte Gwer-Makhmour ha causato la morte di dieci miliziani e la distruzione di diverse reti di tunnel, usati dai terroristi per spostarsi e nascondere armi ed equipaggiamenti senza essere rilevati. Le manovre hanno coinvolto anche i Peshmerga e le forse speciali internazionali, che hanno effettuato rastrellamenti in almeno 13 grotte in circa 48 ore.

Le manovre sono nate grazie al ritrovamento di documenti dettagliati di IS a Kanous Island

Le ultime operazioni delle ISF e di Inherent Resolve contro Isis sono nate grazie a informazioni d’intelligence. In particolare, sembra siano stati trovati dei documenti IS a Kanous Island, a sud di Mosul, che hanno permesso agli analisti di tracciare un quadro molto chiaro sull’organizzazione dei jihadisti nel quadrante iracheno. Al loro interno ci sarebbero i nomi e le ubicazioni di basi importanti, nonché i percorsi per arrivarci e alcune mappe delle reti dei tunnel. I dati, una volta confermati, sono stati usati per pianificare le manovre che, presumibilmente, proseguiranno anche nei prossimi giorni. Fonti locali, infatti, spiegano che si è trattato di un ritrovamento eccezionale e molto prezioso, che va sfruttato immediatamente per non perdere l’opportunità di assestare un colpo durissimo ai terroristi.

Back To Top