skip to Main Content

Iraq, attentato ad al-Khadimi. Occhi puntati sulle milizie pro-Iran

Attentato ad al-Khadimi in Iraq. Occhi puntati sulle milizie pro-Iran Gli sciiti ortodossi, vicini a Teheran, cercano di alimentare un conflitto settario con i sunniti. Lo stesso al-Sadr è un ostacolo a un premier amico

Il premier iracheno, Mustafa al-Khadimi, è sopravvissuto a un attentato perpetrato con un drone, che ha colpito con un missile la sua abitazione. Il primo ministro era all’interno, ma è stato ferito solo leggermente. Formalmente l’attacco è stato imputato allo Stato Islamico, ma si teme invece che dietro ci siano le milizie pro-Iran. Ciò, in particolare dopo che il leader di Asa’ib Ahl al-Haq lo aveva minacciato pubblicamente. L’attentato a Khadimi conferma le parole dell’imam Moqtada al-Sadr, che aveva lanciato l’allarme sui pericoli della possibile escalation della guerra settaria a Diyiala. Lui stesso è nel mirino dell’ala più dura degli sciiti, legata a Teheran e guidata da Nouri al-Maliki, che aumenta il pressing ogni giorno affinché l’incarico di premier del nuovo governo sia affidato a una figura vicina alla Repubblica Islamica. Allo stesso modo, al-Khadimi è considerato troppo vicino agli USA e a Inherent Resolve. Perciò, deve essere eliminato.

Back To Top