skip to Main Content

Iraq, arrestato possibile finanziatore delle milizie pro-Iran

Arrestato in Iraq un possibile finanziatore delle milizie pro-Iran. L’uomo è stato trovato all’aeroporto di Najaf in possesso di grande quantità di valuta libanese. I soldi servivano probabilmente per l’operatività dei gruppi sciiti

Le forze di sicurezza irachene (ISF) hanno arrestato all’aeroporto di Najaf un probabile corriere delle milizie pro-Iran. L’uomo è stato trovato in possesso di una grande quantità di valuta libanese, nascosta all’interno delle valigie. Non ci sono conferme ufficiale, ma si ritiene che il denaro dovesse servire per finanziare le operazioni e la sopravvivenza di gruppi sciiti, che operano nella nazione mediorientale. Il suo arresto assesta un duro colpo alle milizie che, dal giorno dell’anniversario della morte del generale Qasem Soleimani e del comandante di Hashd al-Shaabi (PMF) Abu Mahdi al-Muhandis, hanno lanciato una vera e propria offensiva contro i militari statunitensi e di Inherent Resolve nel paese. Dal 3 gennaio 2022, infatti, ci sono stati numerosi attacchi con droni, missili e IED contro assetti internazionali, che non sembrano voler cessare.

Back To Top