skip to Main Content

Afghanistan, sventato un attacco terroristico al ministero dell’Interno

Afghanistan, Sventato Un Attacco Terroristico Al Ministero Dell’Interno

Sventato in Afghanistan un attacco del Daesh al ministero dell’Interno di Kabul

Sventato in Afghanistan un attacco dei miliziani al ministero dell’Interno di Kabul. Oltre una decina di jihadisti del Daesh  ha tentato di fare irruzione nel complesso dove si trova il dicastero. Il commando, a bordo di un SUV, indossava uniformi militari, grazie a cui è riuscito a superare i primi sbarramenti dei controlli. Poi, però, è stato fermato a una delle entrate. A quel punto gli elementi dello Stato Islamico, che ha rivendicato l’azione, sono scesi dal mezzo e uno di loro si è fatto esplodere. Gli altri, invece, hanno cercato di entrare nell’edificio, ma sono stati neutralizzati dalle guardie di sicurezza locali. Il bilancio delle vittime vede almeno otto fondamentalisti uccisi e gli altri feriti o in fuga. Nello scontro ha perso la vita anche un poliziotto e altri cinque hanno riportato lesioni. Non sembra ci siano vittime tra i civili.

L’azione non è stata ancora rivendicata, ma si ritiene sia opera dell’Emirato Islamico. Daesh avrebbe avuto più difficoltà a organizzarla

Le forze di sicurezza afghane pensavano in un primo momento che a compiere l’attacco fossero stati i talebani. Sia per il fatto che l’Emirato Islamico aveva pre-annunciato che nell’offensiva di primavera sarebbero state attaccate le istituzioni della sicurezza. Inoltre, i jihadisti che hanno tentato il raid indossavano divise militari, facilmente reperibili dai talebani attraverso attacchi o tramite i loro simpatizzanti. Daesh, invece, avrebbe avuto più difficoltà anche se non era impossibile. Tanto che, poco fa lo Stato Islamico ha rivendicato l’azione assumendone la paternità.

Back To Top