skip to Main Content

Usa, attentato a Manhattan: uomo si getta sulla folla con un furgone

Usa, Attentato A Manhattan: Uomo Si Getta Sulla Folla Con Un Furgone

Un furgone si è gettato sui passanti presso una pista ciclabile a Lower Manhattan

Attentato a Manhattan da parte di un uomo, che a bordo di un furgone si è scagliato sulla folla vicino al World Trade Center. Il soggetto ha puntato un gruppo di persone nei pressi della pista ciclabile e ha diretto il mezzo a grande velocità. Una volta arrestata la corsa, il soggetto è sceso con un’arma in mano – poi risultata essere una replica – gridando Allah Akhbar. La polizia è intervenuta immediatamente, bloccandolo e arrestandolo dopo averlo ferito a una gamba. Il bilancio provvisorio delle vittime è di 8 morti e di una ventina di feriti. L’FBI e le forze di sicurezza trattano l’evento come un atto di terrorismo e il presidente Donald Trump è costantemente informato sulla situazione. Tutta l’area è stata messa in lock down per cercare possibili complici o congegni esplosivi che l’uomo potrebbe aver piazzato.

Non è chiaro se sia un’azione di ramming o il gesto di uno squilibrato. L’FBI indaga a 360 gradi

Non è chiaro se si tratti del gesto di un folle o di un vero e proprio attentato da parte di un simpatizzante dell’Isis. Sul numero 3 di Ruiyah, l’organo di propaganda del Daesh, gli ideologi dei jihadisti avevano suggerito ai propri seguaci di compiere un attacco con veicoli (ramming o vehicular terrorism) a New York. E più precisamente in occasione della parata di Macy’s. Al momento, comunque, tutte le piste restano aperte. Gli investigatori lavorano a 360 gradi per non escludere nessuna possibilità. Intanto, le vittime dell’azione sono state trasportate negli ospedali della zona.

Sui social media appaiono le prime foto di quello che sembra il sospetto in custodia della polizia

Sul web e più precisamente sui social media, sono cominciate ad apparire le prime foto di quello che si ritiene l’attentatore di New York. Dalle immagini sembra un uomo dai tratti mediorientali e la barba, vestito con una tuta. La posizione con le mani dietro alla schiena fa pensare che sia stato ammanettato. Sembra sia stato ferito al fianco o alla coscia sinistra, a seguito della macchia di sangue sul terreno e del fatto che sui pantaloni all’altezza della gamba destra non presentano macchie. Come allo stesso modo entrambe le caviglie e i polpacci. Secondo alcune indiscrezioni avrebbe 29 anni e sarebbe di origine uzbeka.

La condanna del sindaco di New York De Blasio e del presidente Usa Trump

Lo stesso sindaco di new York, Bill De Blasio, ha definito l’episodio a Manhattan un atto di terrorismo. “Un atto di terrorismo particolarmente vigliacco”, ha precisato. Il presidente Usa, Donald Trump, su Twitter ha scritto: “A New York sembra che sia avvenuto un altro attacco da una persona molto malatae squilibrata. Le forze dell’ordine seguono attentamente la situazione. Non negli USA!”.

Le prime immagini dai social media del presunto attentatore arrestato dalla polizia di New York

Back To Top