skip to Main Content

Ucraina, USA: I militari russi in Crimea pilotano i droni Shahed-136 iraniani

I militari russi in Crimea pilotano gli Shahed-136 iraniani. Kirby: Consiglieri delle IRGC forniscono assistenza sugli UAV sul terreno. Si rischia che Teheran venda a Mosca anche armi convenzionali avanzate

I militari russi in Crimea pilotano gli UAV iraniani Shahed-136 che compiono attacchi in Ucraina. Lo ha affermato l’ammiraglio John Kirby, portavoce del National Security Council (NSC) degli Stati Uniti, alla stampa. L’alto ufficiale ha aggiunto che i soldati di Mosca sono supportati in loco da personale della Repubblica Islamica. In particolare, sarebbero istruttori e tecnici per la manutenzione dei droni. Kirby, sottolineando che Teheran ormai è direttamente impegnata sul terreno nel conflitto, si è detto preoccupato che possa fornire a Mosca anche armi convenzionali avanzate come i missili terra-terra. Gli USA, ha concluso, perseguiranno tutte le strade per rendere più difficile a Teheran vendere armi alla Russia. I vertici della Repubblica Islamica inizialmente avevano negato un coinvolgimento della nazione sulle forniture di aerei senza pilota a Mosca. Poi, però, si erano vantati della “qualità” dei loro prodotti e affermato che non erano responsabili di come venivano usati.

Intanto, UE e UK sanzionano nuovamente l’Iran. Colpiti la Shahed Aviation Industries e tre generali, tra cui il capo di Stato Maggiore della Difesa

L’Iran, intanto, è stata appena sanzionata dall’Unione Europea e dal Regno Unito per il sostegno all’invasione russa dell’Ucraina legata alle forniture di droni. Bruxelles ha annunciato genericamente che le misure riguardano un’entità e tre persone. Londra, invece, ha specificato che i target sono il produttore Shahed Aviation Industries e tre generali del paese mediorientale: Mohammad Hossein Bagheri, capo di Stato Maggiore della Difesa, che sovrintende le branche dell’esercito responsabili delle forniture di UAV; Seyed Hojjatollah Qureishi, responsabile dei negoziati che hanno permesso a Mosca di ottenere gli aerei senza pilota di Teheran, e Saeed Aghajani, a capo del comando Aerospaziale e UAV delle Guardie Rivoluzionarie (IRGC). Secondo la Gran Bretagna farebbero parte delle IRGC (e presumibilmente del comando di Aghajani) i consiglieri iraniani che stanno fornendo supporto ai soldati russi in Crimea sugli Shahed-136.

Back To Top