skip to Main Content

Siria, ucciso alto leader Isis. Probabilmente in un raid elitrasportato

Siria, Ucciso Alto Leader Isis. Probabilmente In Un Raid Elitrasportato

Il leader Isis uzbeko ucciso in un’operazione della Coalizione internazionale il 6 aprile

La Coalizione internazionale anti-Isis ha ucciso in Siria un leader del Daesh uzbeko. Lo ha annunciato il Direttorato anti-terrorismo regionale del Kurdistan (CDT), secondo quanto riporta Bas News. L’uomo si chiamava Geiratzon Ozimovie, alias Abdulrahman Uzbeki, ed è stato eliminato in un’operazione il 6 aprile. Il CDT ha reso noto che era responsabile per gli affari finanziari e per il contrabbando, ma non ha voluto fornire altri dettagli sia sull’azione sia sul jihadista. Non ci sono conferme ufficiali, ma con buona probabilità è uno dei miliziani neutralizzato nel corso di alcuni raid, condotti con truppe SDF elitrasportate, avvenuti la settimana scorsa tra al-Kubar e al-Jazrah.

Negli ultimi giorni ci sono stati almeno 2 raid con elicotteri: ad al-Kubar e ad al-Tebni

Il primo raid anti-Isis dei commandos SDF è avvenuto nella zona al-Kubar, a ovest di Deir ez-Zor e vicino a Ma’dan (Raqqa). Lo ha confermato l’Osservatorio Siriano per i Diritti Umani (SOHR). L’operazione ha visto il coinvolgimento di 4 elicotteri, atterrati tra al-Kubar e al-Jazrah. Gli operatori hanno colpito un veicolo su cui viaggiavano membri Isil e hanno istituito check point sulle strade principali e vicino alla stazione idrica. Qui hanno attaccato e catturato un altro gruppo di miliziani Daesh che si trovava nell’area. Poi, hanno abbandonato l’area. Il secondo, invece, nel deserto di al-Tebni. Al margine occidentale estremo di Deir ez-Zor, al confine con Raqqa. In questo caso sono intervenuti due elicotteri, che hanno sbarcato diversi commandos SDF. I combattenti hanno attaccato un’autovettura con a bordo 4 membri dello Stato Islamico, uccidendoli. Poi, hanno preso le salme e le hanno caricate a bordo dei velivoli, decollando.

Isis dopo i raid dichiara lo stato di massima allerta, ma le operazioni proseguono

La notizia delle operazioni è trapelata tra i ranghi Isis in Siria, che hanno dichiarato lo stato d’allerta in tutta la zona. Ciò, però, non è servito in quanto i raid starebbero continuando. Sia nella stessa area sia in altre. Gli obiettivi sono sempre gli stessi: alti leader del Daesh in fuga da Tabqa e Raqqa, diretti verso Deir ez-Zor e la Middle Euphrate Valley. Territori ancora considerati abbastanza sicuri per i jihadisti dello Stato Islamico. Questi si muovono con cautela e poche protezioni, per cercare di passare inosservati. Ma i tentativi, come si è dimostrato, sono vani.

La notizia dell’uccisione del leader Isis su Bas News, con la foto del jihadista

Back To Top