Siria, SDF lanciano offensiva anti-Isis a Raqqa nord ovest

Siria Syria Hajin Operationroundup Jazeerastorm Saa Islamicstate Isis Daesh Statoislamico Suweida Badia Iraq Sdf Cizirestorm Aljazeera Esercitosiriano Deirezzor Hajin Abukamal Gharanij Raqqa Qalamoun Hezbollah Saa Deirezzor Sukhnah Ma’adan Daesh Inherent

Le SDF stringono il cerchio contro Isis su tutti gli assi

Al via a Raqqa un’offensiva delle SDF contro Isis nella zona nord ovest. I combattenti siriani, supportati da raid chirurgici della Coalizione Internazionale, hanno intensificato gli attacchi su Hurriyah e Andalus. L’obiettivo è cacciare il Daesh per arrivare ad al-Baath e così liberare la zona sud della base della 17esima divisione. Parallelamente, stringere il cerchio sulla roccaforte nell’area settentrionale e ricongiungersi con l’asse che opera a est. Nel frattempo, proseguono le battaglie contro lo Stato Islamico a Shahada e a Hisham Abdul Malek, nella zona sud della città, e a Rawdah a est. Inoltre, sono in arrivo nuovi rinforzi militari dagli Usa. Si tratta di mezzi corazzati e armamenti, che verranno consegnati alle SDF in queste ore per velocizzare le manovre. I convogli, infatti, sono già in zona.

A sud le Tiger Forces prendono Rumaylan e avanzano verso Deir ez-Zor

Nell’area sud della provincia di Raqqa, le Tiger Forces dell’esercito siriano (SAA) continuano ad avanzare verso est in direzione di Deir ez-Zor. Nelle ultime ore hanno sconfitto i miliziani dello Stato Islamico dal villaggio di Rumaylan e dall’omonima diga. Nell’operazione sono stati ripresi anche 15 tra campi petroliferi e di gas nella zona. Inoltre le unità specializzate nella caccia al Daesh, gli ISIS Hunters, stanno dando la caccia ai jihadisti lungo la strada tra Homs e Raqqa, nonché nel quadrante di Palmyra. Le ultime manovre sono state condotte da Shaher a Uqayribat. Intanto, Deir ez-Zor continua a essere martellata dai raid aerei siriani e russi. Gli ultimi sono avvenuti ad Ayash, a ovest della città.

Si intensifica la discussione sul post-Isis a Raqqa. Ora si parla di ricostruzione e sminamento

La situazione a Raqqa sembra comunque a buon punto, anche se si avanza lentamente contro Isis per prudenza. Tanto che proseguono le discussioni su ciò che avverrà dopo la sconfitta definitiva del Daesh. Sono stati già creati un consiglio civile che amministrerà la città e delle forze di sicurezza che la proteggeranno. Ora si sta affrontando il capitolo ricostruzione e sminamento. Questi temi, infatti, sono stati al centro di un incontro tra una delegazione del dipartimento di Stato Usa e alti funzionari del Civil Council di Raqqa. L’obiettivo è far sì che appena sarà stato cacciato lo Stato Islamico si proceda subito con una serie di azioni ad hoc per ripristinare buone condizioni di vita per la popolazione. Sia all’interno del centro abitato sia nelle zone periferiche.