skip to Main Content

Siria, SDF avanzano da Tabqa verso Raqqa: attacco a Isis a Mazreat

Siria, SDF Avanzano Da Tabqa Verso Raqqa: Attacco A Isis A Mazreat

Battaglia in corso a Mazreat AlSefsafa. Isis arretra verso Hindah

Le SDF continuano ad avanzare da Tabqa verso Raqqa e attaccano Isis in un nuovo villaggio. Quello di Mazreat AlSefsafa. L’area è tra Safsafa (riconquistata dal Daesh nel giorni scorsi) e Ibad. La battaglia è scoppiata quando i combattenti siriani si sono avvicinati a Hindah, lungo la Halap-Ar Raqqah Road: la strada che collega Damasco con la roccaforte dello Stato Islamico. Al momento è in corso una violenta battaglia, ma sembra che i miliziani stiano arretrando. Intanto a Tabqa procedono le operazioni per riconquistare il 100% della diga – a oggi rimangono ancora alcune piccole sacche di resistenza – e per liberare completamente la città. Questa è circondata su 4 lati e le SDF avanzano verso il centro da Est e da Sud. Lo fanno col il supporto dell’artiglieria dei Marines. Sia in fase offensiva sia difensiva.

A Tabqa, Isis tenta contrattacchi dalla città e da sud contro SDF. Tutti sventati

Isis a Tabqa cerca di rispondere all’offensiva SDF con tentativi di contrattacco. Sia dall’interno della città sia dalle aree a sud, ancora sotto controllo parziale del Daesh. la sua liberazione, infatti, aprirà le porte all’offensiva a Raqqa. A proposito ci sono state diverse ondate, tutte respinte dai combattenti siriani. I miliziani hanno usato soprattutto auto-bomba (VBIED) e attentatori suicidi, in quanto sono in inferiorità numerica rispetto al nemico e hanno scarsità di risorse da impiegare. Sono, peraltro, gli stessi metodi e tattiche che lo Stato Islamico sta usando anche a Mosul Ovest, dove si trova bloccato in una situazione analoga. Chiuso all’interno di una piccola porzione, densamente abitata, e con scarse capacità di difesa, che diminuiscono giorno dopo giorno.

Le SDF sono arrivate a 2 chilometri da Raqqa e la Coalizione attacca i capi Isis in fuga

Anche a Raqqa la situazione va sempre peggio per Isis. Le SDF continuano ad avanzare e sono arrivate a 2 chilometri dal centro abitato. Pur dovendo respingere diversi contrattacchi del Daesh. Inoltre, all’interno della roccaforte continuano a diminuire i miliziani. Ciò sia per le fughe di massa di jihadisti e leader sia per i bombardamenti aerei della Coalizione internazionale. Gli ultimi hanno colpito diversi capi dello Stato Islamico ad Hazema, nella campagna settentrionale di Raqqa. Si trattava di un gruppo di comandanti che era scappato dalla città e tentava di dirigersi a est verso Deir ez-Zor. Però, non passando dalle rotte tradizionali. Scegliendo invece un percorso alternativo per sperare di passare inosservati.

 

Back To Top