skip to Main Content

Siria, SDF a Raqqa pressano Isis ad al-Amin e Nadhah

Siria, SDF A Raqqa Pressano Isis Ad Al-Amin E Nadhah

Isis a Raqqa continua ad arretrare e i bulldozer delle SDF eliminano le mine sulle strade

Le SDF a Raqqa hanno sventato un tentativo di Isis di rompere l’assedio sul quartiere di al-Amin. Nel corso degli scontri Daesh ha perso 11 elementi. I combattenti siriani, nel frattempo hanno registrato progressi anche a Nadhah, dove è in corso un’offensiva di massa, e in altre zone della città. Durante le manovre hanno bonificato dalla presenza dei jihadisti il Baghdad Gate e preso il controllo dell’Ufficio del registro civile e di tutta l’area circostante. Inoltre, hanno cacciato lo Stato Islamico in un quadrante di al-Nour, conquistando il controllo del centro per la sicurezza criminale e di quello per il Traffico. Nella battaglia hanno perso la vita 23 estremisti. Nelle manovre, peraltro, le truppe fanno ampio uso di bulldozer per rimuovere detriti e aprire le strade, eliminando allo stesso tempo le mine e gli IED collocati da Isil lungo i percorsi.

A Deir ez-Zor il SAA lavora per aprire una strada verso l’aeroporto. Da Homs arriva il primo convoglio di aiuti umanitari alla popolazione dal 2014

Intanto a Deir ez-Zor l’offensiva dell’esercito siriano (SAA) contro Isis procede a ritmo spedito. Dopo aver rotto l’assedio sulla città e sulla base della brigata 137, i soldati stanno lavorando per fare altrettanto all’aeroporto. Manca poco ormai prima che lo scalo sia liberato dal Daesh. Nel frattempo, però, si mantiene elevata la pressione sui jihadisti, in particolare a Baghiliyah. Qui sono in corso pesanti bombardamenti contro le postazioni dello Stato Islamico. Parallelamente, proseguono le operazioni lungo l’autostrada Sukhnah-Deir Ez-Zor. I militari hanno eliminato le ultime postazioni Isil a Kabawjib e puntano ora ad Al-Shoulah. Mentre prosegue la battaglia, è arrivato in città il primo carico di aiuti umanitari alla popolazione dal 2014. È un convoglio di 40 mezzi, partito da Homs e organizzato dal centro di riconciliazione russo.

Back To Top