skip to Main Content

Siria, SDF a Raqqa attaccano Isis ad al-Amin e Thakanah

Siria, SDF A Raqqa Attaccano Isis Ad Al-Amin E Thakanah

A Raqqa le SDF lanciano un violento attacco a Isis in centro da 3 fronti

A Raqqa le SDF hanno lanciato un attacco massiccio contro Isis ad al-Amin e Thakanah. Sono gli ultimi due quartieri nel centro ancora parzialmente nelle mani del Daesh. Nel corso dell’operazione, ancora in essere, hanno distrutto finora 250 mine, eliminato numerosi jihadisti e scoperto un magazzino di armi e munizioni in cui c’erano anche dei missili anti-carro Milan. I movimenti delle forze siriane sul terreno, che si attaccano da 3 fronti, sono supportati da un intenso fuoco di artiglieria su tutta l’area. Parallelamente, queste hanno cacciato lo Stato Islamico dall’ospedale da campo ad al-Mansour. A seguito di ciò, i miliziani sono stati costretti a ripiegare verso nord, soprattutto a Wahdah, Hurriyah e Thawrah. Vanificati, infine, i tentativi di contrattacco Isil a Tashih nella zona ovest. Gli estremisti, nonostante un’azione massiccia, non sono riusciti a penetrare le linee di difesa nemiche.

Deir ez-Zor, rotto l’assedio Daesh alla base della Brigata 137. Le prime unità delle Tiger Forces arrivano nella struttura

A sud est di Raqqa, a Deir ez-Zor, l’esercito siriano (SAA) ha rotto l’assedio di Isis sulla base della brigata 137. Le prime unità delle Tiger Forces sono penetrate nelle linee di difesa Daesh a ovest della struttura e hanno raggiunto i loro compagni al suo interno. Dietro di loro, il grosso dei militari sta combattendo per ripulire tutto il quadrante in modo da creare un punto di accesso sicuro e vigilato alla roccaforte e poter così lanciare l’operazione per liberarla. A proposito, i soldati si stanno scontrando con i miliziani da Sabkha al villaggio di Kabbaj. Tanto che in poche ore hanno cacciato lo Stato Islamico da Rujm Ghaleb, dalla collina di Gharitah e da Sooh al-Kharteej. Inoltre, avanzano sull’autostrada tra Palmyra e Deir ez-Zor. Gli attacchi avvengono in contemporanea per non permettere ai jihadisti di poter reagire e spostare assetti dove è più necessario.

Back To Top