skip to Main Content

Siria, nuovi guai per Isis a Raqqa. Arrivano 3.000 combattenti arabi

Siria, Nuovi Guai Per Isis A Raqqa. Arrivano 3.000 Combattenti Arabi

La forza di combattenti arabi stata addestrata dalla Coalizione internazionale anti-Isis

Isis a Raqqa ha un nuovo nemico, molto numeroso. È una forza di combattenti arabi di 3.000 uomini, che sta per essere schierata nell’area in chiave anti-Daesh. I rinforzi combatteranno sotto la guida delle Forze Democratiche Siriane (SD), impegnate a neutralizzare lo Stato Islamico nella zona. Secondo quanto riporta Rudaw, la nuova compagine si chiama Syrian Elite Force o Syrian Special Force ed è guidata da Ahmad al-Jarba. Il comandante ha spiegato che i suoi uomini stanno finendo di addestrarsi col supporto della Coalizione internazionale a guida Usa. “Ci stiamo preparando per la battaglia a Raqqa – ha affermato a Reuters -. C’è un programma di training e presto saremo pronti per entrare in campo”. Lo scopo è “liberare le nostre terre”.

Nelle SDF confluiscono sempre più nuovi gruppi

Le stesse SDF avevano annunciato il loro arrivo a dicembre, nel dare il via alla seconda fase dell’operazione Wrath of Euphrates. “L’offensiva si sta espandendo e vi si stanno unendo sempre più nuovi gruppi – aveva spiegato il portavoce delle SDF, Talal Silo -. Tra questi ci sono le Special Forces, che appartengono al mivimento al-Ghad al-Souri”. In base all’accordo raggiunto con la Coalizione, la forza araba combatterà Isis sotto la bandiera del contingente multietnico a guida curda. Manterrà, però, la sua indipendenza e autonomia operativa, anche se coordinerà le azioni anti-Daesh con le SDF. Questa, comunque, non è l’unica a combattere insieme ai curdi. C’è anche la Syrian Arab Coalition (SAC), che a gennaio ha ricevuto mezzi corazzati dagli Stati Uniti.

SDF vicine alla diga di Tabqa, mentre a Raqqa Isis continua a infliggere punizioni esemplari

Le SDF in quest’ultima fase della campagna contro Isis in Siria, tesa a isolare Raqqa, hanno liberato finora 3.200 chilometri quadrati di territorio. Questi includono 236 villaggi e centri abitati, tra cui la Cittadella di Jaabar. Di fatto, l’ultima roccaforte del Daesh nel paese è stata circondata sia da nord sia da ovest. Inoltre, le Forze di Difesa sono a circa 4 chilometri dalla strategica diga di Tabqa e stanno combattendo duramente per liberare l’area dallo Stato Islamico. Nel frattempo, a Raqqa, lo Stato Islamico continua ad amministrare la città applicando la Sharia nel modo più rigido. L’Osservatorio Siriano per i Diritti Umani (SOHR) riporta che è stata tagliata una mano a un giovane nel quartiere di Dalla. Il ragazzo, che ha subito la punizione in una piazza gremita di persone, era stato accusato di furto.

 

Back To Top