skip to Main Content

Siria, nasce asse sud contro Isis a Raqqa con il Ponte Nuovo e Al-Jisr

Siria, Nasce Asse Sud Contro Isis A Raqqa Con Il Ponte Nuovo E Al-Jisr

Isis continua a perdere terreno a Raqqa e non riesce a reagire

A Raqqa Isis ha perso il Ponte Nuovo e la Al-Jisr nel quadrante sud ovest, al confine con Shahada. Le SDF li hanno riconquistati concludendo le manovre per prendere Yarmouk. Ora, grazie al controllo delle due infrastrutture, i combattenti siriani possono aprire anche l’asse sud dell’offensiva. Intanto, a sud est si avanza nella città verso il presunto luogo in cui era stata segnalata la presenza di Abu Bakr al-Baghdadi. Sulla sua morte, infatti, ci sono molti dubbi. È stata annunciata recentemente, ma ci sono già alcune smentite. Per l’intelligence irachena il Califfo Daesh continuerebbe a nascondersi nella zona di Raqqa, ma di lui non si hanno notizie ormai da mesi. Parallelamente all’avanzata, le SDF consolidano il controllo dell’area occidentale e sono entrate nel distretto di Nezle Shihade, dopo aver liberato dallo Stato Islamico le strade di al-Cisir e al-Qadīd.

Continuano le evacuazioni dei civili, mentre Isis cerca di ucciderli

A Raqqa si combatte anche nella Città Vecchia e di notte. Nelle scorse ore le SDF hanno ingaggiato i miliziani Isis nell’area, riuscendo ad avanzare. Inoltre, i team speciali dei combattenti siriani nella zona hanno tratto in salvo 25 civili e li hanno scortati in aree sicure. Nel frattempo, però, Daesh continuano a sparare sulla popolazione locale in fuga dalla battaglia. Alcune persone sono state uccisi dai cecchini dello Stato Islamico nella Città Vecchia. Inoltre, 6 abitanti locali sono morti a Darayeh per l’esplosione di un ordigno artigianale (IED), collocato dai jihadisti. I miliziani, invece, hanno nuovamente rilanciato le accuse di uso di bombe al fosforo bianco (Willy Pete, WP) da parte della Coalizione. Sono stati sparati proiettili WP, ma in aria. E solo per illuminare le zone in cui i combattenti siriani si stanno muovendo. Come, peraltro, confermano le stesse foto diffuse da Isil.

Back To Top