skip to Main Content

Siria, le SDF convergono a Deir Ezzor per una nuova operazione contro Daesh

Siria, Le SDF Convergono A Deir Ezzor Per Una Nuova Operazione Contro Daesh

Le SDF tornano a Deir Ezzor per lanciare una nuova Cizire Storm contro Isis a sud ed est della provincia

Le SDF in Siria stanno convergendo su Deir Ezzor per lanciare una nuova operazione contro Daesh, sulla scia di Cizire Storm (Al Jazeera). Le forze curde, dopo aver combattuto le truppe turche di Olive Branch ad Afrin, hanno cominciato a riunirsi e a confluire nella provincia. L’obiettivo è cacciare lo Stato Islamico dall’area sud (fino al confine con l’Iraq) e nord est, nella Middle Euphrates Valley (MERV). Ciò, in quanto Isis sta crescendo nella zona e diventa sempre più attivo, in quella che ha chiamato Al-Furat Wilayat. I miliziani hanno ripreso a tenere sermoni in pubblico, a giustiziare oppositori e civili che si erano ribellati, nonché presunti traditori che operavano per il nemico. L’esercito di Damasco (SAA), infatti, non è riuscito a eliminare i jihadisti ad Abu Kamal (Al Bukamal), ma si è limitato a presidiare i centri conquistati in precedenza, evitando di avanzare.

Intanto, la Coalizione Internazionale bombarda Abu Kamal e Inherent Resolve smentisce un presunto attacco ad Ayn Issa

A conferma che qualcosa si sta muovendo a Deir Ezzor c’è anche l’incremento dei raid della Coalizione Internazionale su postazioni Daesh nella provincia. Dal 23 al 29 marzo ci sono stati 11 attacchi aerei contro lo Stato Islamico, di cui 4 in Iraq e 7 in Siria. Tutte le azioni, peraltro, si sono concentrate intorno ad Abu Kamal. Ciò, presumibilmente, in previsione dell’inizio della nuova operazione delle SDF. Nel frattempo, l’operazione Inherent Resolve ha smentito decisamente il presunto attacco delle milizie pro-Assad contro la base di Ayn Issa. Alcune fonti media avevano riportato la notizia che la Milizia della Resistenza Siriana di Raqqa aveva lanciato colpi di mortaio contro la struttura, causando vittime. Il colonnello Ryan Dillon, portavoce della missione ha scritto esplicitamente sul suo profilo Twitter che l’indiscrezione “è falsa e immondizia”.

Back To Top