Siria, le forze della Turchia stanno circondando Afrin da 2 direzioni a sud

Siria Syria Isis Isil Hama Aleppo Gharanij Turchia Afrin Kurdistan Deirezzor Iraq Hajin Abuhammam Deirezzor Hama Hts Pmu Aljazeera Daesh Statoislamico Esercitosiriano Saa Sdf Quraaya Cizirestorm Aljazeera Middleeuphratesvalley Merv

Migliaia di civili fuggono da Afrin in quanto le forze turche e il FSA stringono l’assedio. Olive Branch aumenta la pressione da sud

Migliaia di civili stanno fuggendo da Afrin, a seguito del fatto che le forze della Turchia e gli alleati del FSA si avvicinano all’area. Nel frattempo, l’artiglieria di Olive Branch sta bombardando le postazioni YPG/SDF vicine alla città curda e il Free Syrian Army ha conquistato Juwayq. Scopo dell’operazione a guida di Ankara è circondare Afrin chiudendola in una piccola porzione di territorio. Ecco perché le TAF e le milizia si muovono da due direzioni a sud verso il centro abitato. Parallelamente, le truppe rafforzano ed estendono le aree conquistate lingo i confini tra Siria e Turchia. Specialmente a nord. Inoltre, impediscono ai convogli di civili in fuga di entrare nelle città sotto il loro controllo.

A Ghouta est l’esercito siriano ha preso Jisrin e si muove verso Saqba. I civili continuano a fuggire, mentre i jet proseguono i raid. Intanto, Daesh cresce ad Al-Yarmouk

Nel frattempo, l’esercito siriano (SAA) ha conquistato Jisrin a Ghouta orientale. I soldati di Damasco ora muovono verso Saqba. Parallelamente, i jet e l’artiglieria bombardano la città, Harasta e Zamalka per indebolire le linee di difesa dei ribelli. Intanto migliaia di civili continuano a fuggire dall’enclave. Ieri 12.500 persone sono passate attraverso il valico di Hamouriyah e oggi oltre 2.000. Peraltro, dopo che la Mezzaluna Rossa aveva evacuato i feriti e i malati negli ultimi 2 giorni a Douma, il SAA ha ripreso l’offensiva nell’area. Tanto da aver conquistato il villaggio di Rahyan. A sud, invece, prosegue la guerra tra lo Stato Islamico e i ribelli presso il campo profughi di Al-Yarmouk. Daesh, però, sta avanzando anche se lentamente.