skip to Main Content

Siria, le fake news sulla diga di Tabqa si ritorcono contro Isis

Le fake news Isis sul presunto crollo della diga, sono un pericoloso boomerang per Daesh

In Siria le fake news di Isis sulla diga di Tabqa, si stanno ritorcendo contro la formazione. Dopo la diffusione sul rischio di crollo della struttura, a seguito di presunti raid della Coalizione che l’avrebbero irrimediabilmente danneggiata, a Raqqa è scoppiato il panico. La popolazione locale, temendo di essere sommersa dall’ondata di acqua, ha cominciato a fuggire in massa sulle alture e colline circostanti. Si parla di migliaia di persone terrorizzate. Daesh ha provato a contenere i danni con un contro-messaggio e con pattuglie per impedire l’uscita dalla città. Ma i civili erano troppi e i miliziani dello Stato Islamico non sono riusciti a fermarli. Lo conferma anche l’Osservatorio Siriano per i Diritti Umani (SHOR). Anche perché agli annunci hanno fatto seguito interruzioni idriche e di corrente, che hanno alimentato ulteriormente il panico.

L’aeroporto di Tabqa diventerà la nuova base della Coalizione al posto di Incirik

Isis perciò a Raqqa ha perso per sua stessa colpa un buon numero di civili, fondamentali per usarli come scudi umani. In un momento, peraltro, critico per Daesh. A Tabqa sono in corso i preparativi per far diventare la base militare il launching point contro la roccaforte dei jihadisti. Ciò in quanto dista dolo circa 40 chilometri e vi si può accedere facilmente da terra, mare e cielo. Inoltre, la bolla di sicurezza, in corso di finalizzazione, farà sì che al suo interno possano essere schierati assetti strategici per la vittoria sullo Stato Islamico. In primis l’artiglieria dei Marines Usa con gli M777 Howitzer da 155 millimetri. A questi si potrebbero aggiungere nel prossimo futuro gli High Mobility Artillery Rocket System (HIMARS). Lo schieramento sarà completato con l’arrivo della componente aerea internazionale. La base, infatti, sarà usata anche dalla Coalizione al posto di quella di Incirlik, secondo un portavoce SDF.

L’offensiva a Raqqa si avvicina. Nella zona in arrivo rinforzi alle SDF

In previsione di ciò, le SDF stanno bonificando tutta l’area intorno all’aeroporto di Tabqa dalla presenza di Isis. Inoltre, stanno spianando la strada ai prossimi movimenti a terra delle Forze Democratiche Siriane. A questo proposito, nelle scorse ore è stata conquistata – dopo 2 giorni di battaglia contro Daesh – la strada che dalla città porta direttamente a Raqqa. Intanto, sono in arrivo rinforzi nelle zone vicino alla roccaforte, controllate dalle SDF. Sono soprattutto armi, munizioni e mezzi blindati. Questi verranno impiegati nell’offensiva per cacciare lo Stato Islamico dalla città. Una volta preso il centro abitato, si passerà all’ultima battaglia: quella di Deir ez-Zor, dove Isil è ancora presente in forze. Sarà lì e nella Middle Euphrates Valley che si combatterà con tutta probabilità la battaglia finale contro Isil.

La notizia dell’Osservatorio Siriano per i Diritti Umani sulla fuga dei civili a Raqqa dopo la diffusione delle fake news Isis

 

Back To Top