skip to Main Content

Siria, la guerriglia ad Aleppo è finita. In centinaia si arrendono

Siria, La Guerriglia Ad Aleppo è Finita. In Centinaia Si Arrendono

Rimane, però, ancora un nucleo di jihadisti in centro, che non cede. Nel frattempo a sud est si è creato un corridoio sicuro per la fuga dei civili.

Ad Aleppo la guerriglia ha perso la sua battaglia. Diversi gruppi di jihadisti, come avevamo anticipato nelle scorse ore, ha deposto le armi e si è arreso ai militari di Damasco. Secondo l’agenzia Fars oltre un centinaio di miliziani ha deciso di smettere di combattere nella città del nord della Siria. Hanno abbandonato la lotta armata insieme ai loro comandanti, che si sono arresi nella cittadella la scorsa notte. Gli ultimi in ordine di tempo a deporre le armi sono stati alcuni gruppi nell’area sud della città vecchia, sita nella zona sud est. Altri stanno prendendo la stessa decisione. Ad est rimane solo un nocciolo duro di combattenti asserragliato un una piccola zona di 10 chilometri. I guerriglieri, però, sono circondati ed è solo questione di tempo prima che siano sconfitti.

Scontri tra le varie milizie sulla decisione di resa. Tolte le barricata a piazza Bab Al-Hadid

Ieri sono scoppiati accesi contrasti tra i vari gruppi che presidiano Aleppo, a seguito di divergenze di opinione sulla resa. In particolare i combattenti che non provengono dalla Siria si sono rifiutati di abbandonare le armi, in quanto a loro non è garantita l’amnistia. Quelli interni, invece, volevano negoziare con i militari di Damasco per ottenere un salvacondotto. Nella notte, però, centinaia di terroristi si sono infine arresi. Questi hanno lasciato la città s bordo di pullman verdi dopo la resa ufficiale. Prima di partire hanno anche rimosso le barricate a piazza Bab Al-Hadid, permettendo ai civili di fuggire. La notizia ha suscitato grande clamore, anche in ambito internazionale. La prima preoccupazione, infatti, era legata proprio alla sorte dei civili e la costituzione di un “corridoio sicuro” di fuga ha rincuorato le speranze.

L’esercito siriano avanza nella città vecchia, si spera in nuove defezioni

Nel frattempo, si continua a combattere con i pochi jihadisti ancora asserragliati ad Aleppo, per liberare definitivamente l’area. L’esercito siriano sta avanzando rapidamente nella città vecchia per raggiungere il centro. Tanto che è riuscito a entrare nella Grande Moschea. L’offensiva, però, non è ancora conclusa. I ribelli rimasti hanno giurato vendetta, sia contro i loro compagni “traditori” sia contro le truppe. A proposito, hanno fatto sapere che combatteranno fino all’ultimo per non lasciare la città e la Siria in mano alle forze del presidente Assad. Non è chiaro, però, se nelle prossime ore anche altre formazioni decideranno di deporre le armi. Soprattutto nelle zone più calde. Ciò garantirà minore resistenza che avvantaggerà i soldati.

Back To Top