skip to Main Content

Siria, Isis tenta di contrattaccare ma fallisce su tutta la linea

Siria, Isis Tenta Di Contrattaccare Ma Fallisce Su Tutta La Linea

I miliziani Isis provano a reagire, ma vengono respinti

In Siria Isis ha lanciato invano una serie di contrattacchi nelle aree perse Nelle scorse ore. Daesh ha lanciato un’offensiva a Bza’a, riconquistando per alcune ore una porzione di terreno. I militari turchi dell’operazione Euphrates Shield, però, hanno fatto irruzione nella zona cacciando i miliziani. La battaglia è ancora in corso per eliminare le ultime sacche di resistenza dei jihadisti. Parallelamente, le Tiger Forces hanno ripreso il controllo dei villaggi di Majbel e Tell al-Hawara, a ovest di Tell Ayashia. In mattinata lo Stato Islamico ha anche tentato una controffensiva contro i soldati siriani vicino a Khanaser, ma è stato respinto con perdite. Nel frattempo, continuano i bombardamenti aerei su Deir ez-Zor. Come riporta l’Osservatorio Siriano per i Diritti Umani (SOHR), ci sono stati diversi raid nei quartieri di al-Hamidiyyeh e al-Hwiqa, diretti contro postazioni dell’Isil. Inoltre, è in corso una battaglia di terra nel deserto del Tadmu.

Raqqa, le SDF continuano a conquistare villaggi a nord della roccaforte

Per Isis a Raqqa la situazione non è migliore. In particolare nell’area nord della provincia, dove le Forze di Sicurezza Siriane (SDF) stanno bonificando villaggio per villaggio dalla presenza jihadista. L’ultimo in ordine di tempo a cadere è stato Mishrafa (Bir Fewaz), rinconquistato ieri dal Daesh. Le SDF in queste ore stanno avanzando verso Abu Wahl, vicino a M’eizileh, B’er Saeed e al-Kalta. Gli aerei dell’operazione internazionale Inherent Resolve, invece, hanno colpito bersagli nell’area di al-Abbara. Anche nella provincia, lo Stato Islamico ha tentato invano un contrattacco. Questo è avvenuto ad al-Swedia al-Kabira, nella zona rurale di Tabqa. I jihadisti Isil hanno cercato di riconquistare Fawaz Bir, conquistata poco prima dalle SDF, ma hanno fallito.

Nuova tornata di raid contro Fateh al-Sham a Idlib

Colpito anche l’ex affiliato di al-Qaeda in Siria, Jabhet Fateh al-Sham (l’ex Fronte al-Nusra). All’alba ci sono stati – secondo il SOHR – almeno 10 attacchi aerei contro il quartier generale della formazione jihadista a Idlib. I raid hanno causato 26 morti, tra cui sembra anche alcuni civili. Il gruppo è sotto attacco in tutto il paese. Da una parte è bombardato dalla Coalizione internazionale, dai caccia di Damasco e da quelli russi. Dall’altra, è contrastato da anche Isis. Il Daesh a gennaio avrebbe ucciso e feriti almeno 18 membri del gruppo nell’area di Homs. In tre sono stati assassinati e 15 intossicati. A compiere l’azione sarebbe stato un simpatizzante dello Stato Islamico che avrebbe avvelenato il cibo presso il quartier generale del gruppo a Deir Ful e poi aperto il fuoco sulle persone presenti nella sede. L’uomo è stato poi a sua volta ucciso nella sparatoria.

Dall’inizio dell’anno sono stati eliminati almeno 12 comandanti di Fateh al-Sham

L’episodio è solo l’ultimo di una serie che Isis sta portando avanti per eliminare i capi e i jihadisti di Fateh al-Sham in Siria. La leadership della formazione, peraltro, è presa di mira anche dalla Coalizione. Dall’inizio dell’anno, in una serie di raid aerei mirati, sono stati eliminati almeno 12 comandanti e 35 miliziani nell’area di Idlib. Tra loro Abu Hasan Taftanaz, Abu Mu’tasim al-Dairi e Abu Khattab al-Qahtani. Quest’ultimo proveniva da al-Qaeda dove era considerato un comandante di medio livello. Aveva infatti combattuto in precedenza anche in Afghanistan e nello Yemen. A loro si era aggiunto anche Abu Omar al-Turkestani, uno dei dieci leader top dell’ex fronte al-Nusra in Siria. L’uomo, inoltre era uno dei quattro capi dell’Islamic Turkestan Party.

 

Back To Top