skip to Main Content

Siria, Isis perde al-Bab e comincia a subire attacchi anche da Iraq

Siria, Isis Perde Al-Bab E Comincia A Subire Attacchi Anche Da Iraq

Ad al-Bab miliziani Isis arroccati a sud e sud-est

In Siria, Isis ha perso la roccaforte di al-Bab. La città è stata liberata dal Free Syrian Army (FSA), supportato dai militari turchi dell’operazione Euphrates Shield. Rimangono da bonificare le ultime sacche di resistenza nelle zone a sud e a sud est del centro abitato. Al momento, le forze stanno consolidando le aree conquistate, bonificandole dalla presenza di mine ed esplosivi improvvisati (IED), piazzati dai miliziani. La conferma sulla vittoria è venuta anche dal ministro della Difesa di Ankara, Fikri Isik, che già ieri aveva rilasciato dichiarazioni in merito. “Al-Bab è quasi totalmente sotto controllo – aveva spiegato – e le forze sono entrate nel centro della città”. I jihadisti, dopo aver offerto una dura resistenza, hanno però deciso di ritirarsi nella zona esterna, per avere possibilità di fuga se necessario.

Si registrano fughe anche da Bzaah e Qabasin

Secondo l’Osservatorio Siriano per i Diritti Umani (SOHR), la fuga dei miliziani Isis sarebbe stata volutamente avvantaggiata dai militari di Euphrate Shield. Questi avrebbero lasciato aperta una rotta di esfiltrazione per i jihadisti Daesh. Ipotesi simile la propone anche IraqiNews, citando BasNews. Secondo questi ultimi ci sarebbe stato un accordo per permettere ai miliziani di raggiungere la città di Maskanah, nella zona orientale della provincia di Aleppo. “Diversi gruppi dello Stato Islamico – ha affermato una fonte ai media – hanno già cominciato a lasciare la città”. Per il SOHR, peraltro, Isil si starebbe ritirando anche da altre zone limitrofe ad al-Bab. In particolare da Bzaah e Qabasin. Infatti, il FSA e le truppe turche hanno cominciato a effettuare rastrellamenti nei due centri abitati per scovare possibili jihadisti che hanno deciso di rimanersi. Il Califfato, invece, per ora mantiene ancora il controllo di Tedef, a sud della ex roccaforte.

Abadi ordina attacchi aerei anti-Isis ad Hasiba e al-Bukamal

Nel frattempo, continua a stringersi l’assedio su Isis a Raqqa. Le Forze di Difesa Siriane (SDF), nella terza fase dell’operazione Euphrates Wrath, hanno conquistato altri 3 villaggi della zona. Inoltre, ne stanno per attaccare altri 10. Questi sono stati completamente isolati e circondati. Parallelamente, caccia presumibilmente appartenenti alla Coalizione internazionale hanno lanciato ieri sera 14 raid aerei su obiettivi mirati presso la base aerea di al-Tabaqa. Infine, c’è una novità dell’ultimo minuto. Il primo ministro iracheno, Haider al-Abadi, ha autorizzato la conduzione di attacchi aerei in Siria contro obiettivi Daesh. A proposito ha confermato lui stesso di aver dato ordine di colpire postazioni dello Stato Islamico ad Hasiba e al-Bukamal.

 

La notizia dell’Oeeservatorio Siriano Per i Diritti Umani sull’accordo di salvacondotto per i miliziani Isis ad al-Bab

 

Back To Top