skip to Main Content

Siria, Isis combatte la battaglia finale per sopravvivere a Deir ez-Zor

Siria, Isis Combatte La Battaglia Finale Per Sopravvivere A Deir Ez-Zor

La presenza di Isis in Siria è limitata solo a poche zone a Deir ez-Zor, sotto attacco da SDF e SAA

Isis in Siria, dopo aver perso Raqqa, deve combattere la sua battaglia per la sopravvivenza a Deir ez-Zor. La provincia è rimasta l’ultima del paese in cui ci sono ancora porzioni di territorio sotto controllo del Daesh. I miliziani, però, si trovano di fronte 2 nemici. Da una parte le SDF con l’operazione Cizire Storm (Al Jazeera) e dall’altra l’esercito siriano (SAA). I primi avanzano su due assi nella zona dell’omonima città e a nord di As Suwar. Il loro obiettivo è spingere lo Stato Islamico in profondità della Middle Euphrates Valley (MERV), a est del fiume Kibur. I secondi, invece, stanno ultimando la liberazione della ex roccaforte e si spingono a sud verso il confine con l’Iraq. Isil, a parte sporadici episodi, non riesce a reagire e contenere le avanzate dei due nemici. Il risultato è che è sempre più schiacciato verso i confini del paese vicino.

Entrambi i contingenti antagonisti avanzano a Deir ez-Zor e c’è un accordo per evitare che entrino in contatto

Le SDF di Asefat AL-Jazeera sono riuscite a liberare a Deir ez-Zor il villaggio di Ruweished dopo pochi giorni di assedio e alcune fattorie nella zona. Lo hanno fatto uccidendo diversi miliziani e sequestrando armi e munizioni. Il SAA non è da meno. Dopo aver cacciato Daesh da Mayadeen procede verso Abu Kamal. Inoltre, i soldati di Damasco hanno attraversato l’Eufrate e preso Zeiban. La zona è la base da cui partirà l’operazione delle Tiger Forces per liberare Bokamal. Il loro prossimo grande obiettivo sarà sconfiggere lo Stato Islamico ad Al Qurayya e poi ad Al Asharah. Non ci dovrebbero essere rischi che i due contingenti antagonisti entrino in contatto, in quanto sono stati presi accordi nei giorni scorsi in un incontro tra la Coalizione Internazionale e le forze russe. È il secondo in 2 mesi e ha riguardato la de-escalation futura del quadrante.

Ciò che ha distrutto Isis non è stata la caduta di Raqqa, ma il come è avvenuto. I miliziani sono stati traditi dai loro stessi compagni

In questo scenario Isis è alle corde. La caduta di Raqqa, la sua ultima roccaforte nonché capitale, è stata un colpo molto duro. Ciò nonostante fossero per primi i miliziani Daesh a sapere che era solo questione di tempo. A scatenare il caos tra i miliziani sono state le modalità con cui è avvenuto. Non c’è stata una strenua resistenza da parte di tutti fino alla morte, come ci si aspettava. Molti estremisti dello Stato Islamico, invece, sono passati repentinamente dalla bandiera nera a quella bianca. E non hanno esitato ad arrendersi e consegnarsi alle SDF pur di avere salva la vita. Senza contare che i membri dell’ormai ex Califfato sono giunti a un accordo, venendo a patti col nemico. Ciò sicuramente avrà un peso rilevante sul morale già a terra degli estremisti, che si sono sentiti abbandonati dai loro stessi compagni. Di conseguenza, c’è da aspettarsi di tutto prossimamente.

Le SDF festeggiano la liberazione di Raqqa (video da Twitter)

Back To Top