skip to Main Content

Siria, Isis a Raqqa sotto attacco a Nadhah. A Deir ez-Zor prova a reagire

Siria, Isis A Raqqa Sotto Attacco A Nadhah. A Deir Ez-Zor Prova A Reagire

Isis subisce a Nadhah offensiva di massa delle SDF, che continuano l’attacco anche ad al-Amin e Thakanah

Al via a Raqqa una massiccia operazione delle SDF per cacciare Isis da Nadha. Nell’area è convogliato un numero imponente di combattenti siriani con diversi mezzi, che ha attaccato in contemporanea il Daesh in tutto il quartiere. La Coalizione internazionale sta fornendo loro supporto aereo ravvicinato (CAS). L’obiettivo è spingersi a est verso il centro, in modo da isolare i jihadisti ad al-Amin e Thakanah. Nei due distretti, infatti sono già in corso manovre da sud, est e ovest. Si punta a replicare l’offensiva a Diriyah, recentemente conquistata. Qui, lo Stato Islamico è stato isolato dal resto della città e poi annientato. Le truppe hanno anche predisposto le postazioni di fuoco per contrastare i cecchini Isil, che si spostano tra le rovine per colpire il nemico. Sono loro la più grande minaccia per le SDF e i civili, in quanto sparano su tutto ciò che si muove indiscriminatamente.

A Deir ez-Zor la situazione è fluida, Isis tenta di respingere il SAA fuori dalla città e dopo la base della Brigata 137

Intanto, a Deir ez-Zor, Isis ha lanciato un contrattacco sull’esercito siriano (SAA) nelle zone appena liberate, che hanno aperto la strada per la roccaforte. I miliziani Daesh stanno cercando di recuperare terreno e chiudere nuovamente la strada davanti alla base della Brigata 137. L’obiettivo è ricostituire le difese per organizzarsi meglio all’interno del centro abitato, dopo che nel pomeriggio il SAA aveva rotto l’assedio dello Stato Islamico. Ciò ha permesso ai soldati di raggiungere le unità accerchiate e di fornire loro sostegno, fino ad arrivare nella zona urbana e attaccare i jihadisti. In tutta l’area, infatti, al momento c’è caos. I fronti di battaglia sono multipli, lungo tutto il quadrante occidentale. In tutto ciò, la Russia sta garantendo alle truppe di Damasco supporto aereo e di fuoco a distanza con i missili Kalibr, lanciati da assetti navali. Questi hanno colpito e distrutto diversi bersagli Isil ad al-Sholah.

Back To Top